Scopri

Oradea

Importante centro economico, sociale e culturale della Romania
Punto di partenza per conoscere la Romania, la città Oradea porta ancora i segni gloriosi del suo importante passato, in special modo di quando nel suo periodo di maggiore splendore faceva parte dei territori della monarchia asburgica. Lo stile austriaco infatti campeggia maestoso, dovuto in gran parte alla ricostruzione della città dopo un incendio che la distrusse quasi completamente proprio nel XVIII secolo: molti scenografici palazzi, come il Palazzo del Vescovo, oggi sede del Museo della Regione Crisana, portano infatti la firma di Franz Anton Hillesbrand, rinomato architetto austriaco.
 
 
Tuttavia Oradea, assieme al bello stile Secessionista - meglio conosciuto nel resto d’Europa come Art Nouveau, o Liberty - sfoggia anche sontuosi palazzi e chiese in stile Barocco. L’insieme della sua architettura è una festa di colori, dalle facciate colorate in rosa pallido, blu e verde che spiccano sul bianco. Anche in un passato più lontano la città venne distrutta (nel 1241) dall’invasione dei Mongoli ma rinacque splendida, tanto da divenire per molti anni nel XV secolo residenza del Re d’Ungheria Mattia Corvino.
 
 
Oggi Oradea è una delle mete turistiche riscoperte, grazie anche alla vicinanza al centro città - soli 3 miglia - del suo aeroporto. Capoluogo della Contea di Bihor, uno dei 41 distretti della Romania, ubicata nelle regioni storiche della Transilvania e del Partium, Oradea è anche considerata la porta dell’Europa centrale e occidentale, ed è oggi uno dei più importanti centri economici, sociali e culturali della Romania, grazie anche alla presenza della sua prestigiosa Università, la più grande dell’Est Europa, che eccelle nel campo della letteratura, della medicina e delle scienze.
 
A pochi chilometri dal confine ungherese, la città gode di una posizione quanto mai pittoresca, tra colline e il fiume Crisel Repeda, dagli argini ridenti sui quali nella bella stagione si possono fare pic nic e rilassanti passeggiate.  
 
Le piazze
L’orgoglio della città è per le due grandi piazze, Plata Unirii (Piazza dell’Unità), la principale e che affaccia sul fiume, dove si trova la spettacolare Chiesa Cattolica Parrocchiale Santo Ladislao e la più piccola Plata Regele Ferdinand (Piazza di re Ferdinando), bella zona pedonale con numerosi caffè, vicino alla quale svetta l’elegante edificio Neoclassico del Teatro di Stato. E molti sono i locali all’aperto che in primavera e in estate si popolano per una sosta di turisti e residenti dediti allo shopping, godendosi la spettacolare vista della città e del fiume.
 
Plata Unirii
Le chiese
Numerose sono le sorprese architettoniche in città soprattutto date dalla bellezza scenografica di alcuni palazzi, come la Cattedrale Cattolica Romana, il più grande edificio religioso Barocco della Romania, progettata sulla pianta della Chiesa del Gesù a Roma; la Chiesa della Luna, con un meccanismo che riproduce le fasi lunari, o l’antica cittadella, tra le meglio conservate in Europa, con la fortezza a forma di stella a cinque punte, oggi sede di mostre di arte e artigianato nel corso dell’anno. Ben 100 sono le chiese di diverse confessioni in città, che testimoniano dell’importante passaggio multietnico in città: numerose le sinagoghe (ben 27), che testimoniano un’ampia presenza di ebrei, come quella in stile Moresco, dal delicato colore rosa, quella di Zion o il Gran Tempio.
 
La fortezza a forma di stella a cinque punte
Merita una visita anche il Giardino Pubblico sulla collina di Cinperca, ma consigliabile è pure un soggiorno relax all’Acqua Park e spa. Come è noto infatti la zona è ricca di acque termali benefiche, dove l’aristocrazia del passato andava a curarsi, come nella vicina Baile Felix spa, particolarmente indicata per le sue preziose acque oligominerali.
 
I musei
Ma anche i musei raccontano la storia di questa bella città e dell’intera regione, come il Museo della Regione Crisanu, con una ricca collezione di artisti romeni, l’Ady Endre Museo, la casa museo di uno dei più grandi poeti ungheresi che promosse con le sue liriche l’amicizia tra romeni e ungheresi, lo Iosif Vulcan Museo, anch’essa un tempo casa dell’editore che fondò il magazine ‘Famiglia’, che contiene una raccolta di libri di poesia, romanzi e una collezione completa della rivista. 
 
I sapori della cucina
Tra tanta vivacità, anche la cucina locale si adegua: ricca di sapori piccanti, come pepe e paprica, che dominano nel piatto tipico della tradizione ungherese, il gulasch, uno spezzatino di carne insaporito con cipolle, carote e patate.
 
Dove dormire a Oradea

Oradea è una città accogliente ed offre diverse possibilità di soggiorno in strutture dotate di ogni confort.

Per trovare l'hotel ideale e le migliori offerte si può fare una ricerca per stelle ma anche per quartieri o luoghi d'interesse.  

 
STELLE
Hotel per stelle e servizi offerti:
STELLE
Hotel per stelle e servizi offerti:
 
LUOGHI DI INTERESSE
Hotel nelle aree turistiche
AEROPORTO
Hotel vicino all'aeroporto 
 
 
Testi di Anna Glik
Foto: Sisterscom.com, Shutterstock
Video: www.romania.travel
Copyright © Sisterscom.com All rights reserved
Aggiornamento febbraio 2019
 
 
Ente del Turismo
www.romania.travel
DOVE ANDARE
Monumenti
PALAZZO DEL VESCOVO
In autentico stile Barocco, il Palazzo del Vescovo di Oradea è un imponente edificio a forma di U che si distende su tre piani, con 100 camere affrescate, ben 365 finestre e una facciata ornata di capitelli ionici. Oggi è sede del Museo della Regione Crisana, dove si possono ammirare svariate opere di artisti romeni.
CATTEDRALE DI SANTA MARIA
Costruita a metà del XVIII secolo su progetto dell’architetto italiano Giovanni Battista Ricca, la Cattredrale di Santa Maria di Oradea è da ammirare per le sue linee sinuose che rispecchiano all’esterno lo stile Barocco. L’interno dà una sensazione di profondo misticismo, per il gioco dei colori e delle luci delle vetrate. Notevole l’organo, un dono dell’Imperatrice d’Austria Maria Teresa d’Asburgo.
 
COMPLESSO DELL’AQUILA NERA
Il Complesso dell'Aquila Nera di Oradea è il più grande monumento di della città costituito da due corpi architettonici asimmetrici ornati di motivi floreali e bassorilievi in stucco, risale ai primi anni del ‘900 ed è caratterizzato da una lunga galleria che collega le vie principali della città, dove si trovano molti pregevoli negozi per lo shopping. Al suo interno si trovano anche un teatro, sale da ballo, hotel, un casinò ed uffici.  Emblema dell’edificio è la vetrata colorata in stile Art Nouveau che rappresenta un’aquila reale nera, dando il nome a tutto il vasto complesso.
CITTADELLA E FORTEZZA STELLATA
La Cittadella e Fortezza Stellata di Oradea è una fortificazione, pressoché inespugnabile, voluta dal re d’Ungheria Ladislao I, al centro della quale si trova l’elegante fortezza a forma di stella. Nonostante i numerosi assedi del passato, la fortezza fu conquistata solo tre volte perché una leggenda vuole che non solo fosse circondata da un ampio fossato, ma che all’interno ci fosse un tale dedalo di stanze che ci si poteva perdere. A lungo è stata ed è tuttora meta di pellegrinaggio, perché vi è stato sepolto per molti anni proprio il re Ladislao I dichiarato Santo Taumaturgo.
 
CITY HALL
City Hall di Oradea è un grandioso edificio risalente ai primi del ‘900, caratterizzato da una torre alta 170 piedi con quattro campane che, allo scoccare dell’ora, suonano un frammento di un inno rivoluzionario, scritto dal poeta ungherese Iancu, la Marcia di Iancu.
TEATRO DI STATO - TEATRUL DE STAT
Il Teatro di Stato di Oradea, in stile neoclassico con colonnato, è stato disegnato agli inizi del 900 da due architetti austriaci (Hellner e Fellner) autori di circa cento teatri in tutta Europa, tra cui i teatri presenti a Vienna, Budapest, Fiume e Zagabria.
 
Escursioni
AQUA PARK NYMPHAEA
Una bella struttura adatta sia agli adulti sia per i bambini, con piscine termali, bagni turchi, scivoli, massaggi, con confortevoli momenti di pausa negli attrezzati ristoranti e caffè.
PARCO NATURALE DEI MONTI APUSENI
A poche miglia dalla città di Oradea, si trova questo parco, riserva geologica fin dal 1938. La vegetazione presenta esemplari di abeti rossi e faggi di montagna. Le formazioni carsiche dei Monti Apuseni, che appartengono alla Catena dei Carpazi, rendono il paesaggio un luogo unico, ricco di grotte -ben 1500-, lunghe gallerie sotterranee e abitato da una fauna variata, come orsi, cinghiali, cervi e caprioli. Le montagne regalano emozioni agli appassionati di trekking, ski, mountan bike, per le spettacolari vedute e per la scoperta di antiche tradizioni locali: nei villaggi di Albac, Garda, Arieseni artigiani del legno intagliano preziosi mobili, strumenti musicali e oggetti di uso comune. D’estate, inoltre, si può partecipare a numerosi festival di montagna.
 
Destinazioni che puoi trovare nelle vicinanze
Avion Tourism Magazine
Scarica Avion Tourism Magazine
in versione digitale
Per una vacanza di lungo raggio, ti consigliamo l'intramontabile New York. Per chi preferisce restare in Europa, proponiamo le affascinanti città di Vienna  e Sofia. Fatti incantare anche da Abu Dhabi o dalla magica Teheran. Scopri le destinazioni direttamente sul sito internet oppure scarica gratuitamente il pdf della rivista.
Fatti ispirare
Iscriviti alla newsletter e scopri consigli utili per il tuo prossimo viaggio
Iscriviti ora!