Scopri

Roma

Il fascino senza eguali della città eterna
Chi giunge a Roma è consapevole di toccare il suolo di una città unica perché eterna. Nessuno può dire di conoscerla abbastanza, quand’anche ne sia assiduo frequentatore. 
 

 
Una multiforme realtà di percorsi noti ed altri piccoli e nascosti, ma pur sempre emozionanti.
 
Piazza di Spagna
Famosa per la scalinata e dalla fontana chiamata “la Barcaccia”, per la forma di barca semisommersa dall’acqua, Piazza di Spagna è un punto di incontro sia dei romani che dei turisti. All’apice della scalinata la Chiesa della Trinità dei Monti. Da Piazza di Spagna si sviluppano le strade che ospitano le più importanti griffe della moda.
 
La Fontana di Trevi
 
La Fontana di Trevi è certamente la più scenografica e la più nota tra le fontane di Roma. Fra le leggende che si narrano sul celebre monumento, la più nota certamente è quella secondo la quale colui che getta una moneta nella fontana, rigorosamente di spalle, farà ritorno a Roma.

Piazza San Pietro
 
Piazza San Pietro, antistante la basilica simbolo del Cristianesimo, accoglie il visitatore con la maestosità degli spazi e la ricchezza architettonica dello splendido colonnato a quattro file che la circonda. Nella più grande chiesa del mondo, che ospita la tomba dell’apostolo Pietro e la Pietà di Michelangelo, 330 scalini portano alla cupola progettata da Michelangelo. Insieme alla Cappella Sistina, uno dei capisaldi della storia della pittura italiana, da vedere le opere conservate nei Musei Vaticani.
 
 
Castel Sant’Angelo
Castel Sant’Angelo
Da San Pietro, attraversando il Tevere, si incontrano Castel Sant’Angelo e Piazza Navona, dove si possono ammirare tre caratteristiche fontane: al centro quella dei Fiumi (Nilo, Gange, Danubio e Rio de la Plata) disegnata da Gian Lorenzo Bernini.
 
 
 
Il Pantheon 
Il Pantheon 
Con le tombe di importanti artisti e dei sovrani del regno d’Italia, è espressione della più squisita tecnica architettonica della Roma antica. La struttura è determinata dall’inserimento di uno spazio sferico in un cilindro, poiché l’altezza dal pavimento è uguale alla misura del suo diametro.
 
Colosseo e il Foro Romano
 
Simbolo di Roma in tutto il mondo, il Colosseo è anch’esso luogo sacro e disegna un itinerario che comprende il Foro Romano, la più importante area archeologica di Roma e i Fori Imperiali.
 
Piazza del Campidoglio
Piazza del Campidoglio
Altro complesso monumentale di grande valore storico ed artistico è quello che si affaccia sulla Piazza del Campidoglio
 
Vittoriano
Vittoriano
Un camminamento aperto al pubblico congiunge la piazza alla terrazze del Vittoriano dalle quali si può godere di un’incomparabile vista a 360° sulla città.
 
Villa Borghese
Villa Borghese
Uguale emozione si prova salendo sul pallone aerostatico fisso più grande del mondo, nel parco pubblico di Villa Borghese, che ospita l’omonima galleria autentico scrigno di tesori artistici.
 
Appia Antica
Appia Antica
Infine, spingendosi sulla via Appia Antica, si incontrano memorie storiche in un contesto naturale senza pari, tra cui le catacombe, i cimiteri sotterranei dei primi cristiani.
 
Spaghetti all'amatriciana
La cucina romana
La cucina romana si fonda su antiche ricette tramandate di generazione in generazione. I piatti della tradizione sono: la coratella, l'abbacchio con i carciofi, i saltimbocca alla romana, i carciofi alla giudia fritti, gli spaghetti alla carbonara con uova pancetta pepe e pecorino, gli spaghetti all'amatriciana con guaciale pecorino e pomodoro, la trippa alla romana, la coda alla vaccinara, la pinsa una variante della classica pizza.
 
Dove dormire a Roma

 

Roma è una città accogliente ed offre diverse possibilità di soggiorno in strutture dotate di ogni confort.

Per trovare l'hotel ideale e le migliori offerte si può fare una ricerca per stelle ma anche per quartieri o luoghi d'interesse.  

 


Testo di Lisa Maria River
Foto: Sisterscom.com, Shutterstock
Video: www.turismoroma.it
Copyright © Sisterscom.com
Pubblicato su Avion Tourism N52,N70,N5/2019.
 
 
Ente del Turismo

www.turismoroma.it

DOVE ANDARE
Monumenti
COLOSSEO

Conosciuto con il nome di Colosseo a causa della colossale statua di bronzo di Nerone che nel II secolo d.C. fu messa vicino al monumento, si chiama in realtà Anfiteatro Flavio ed è probabilmente il monumento più famoso al mondo. Terminato nell’80 d.C., l’edificio era destinato ai combattimenti e giochi tra i gladiatori. L’esterno è composto da quattro ordini architettonici sovrapposti: i primi tre sono formati da ottanta arcate inquadrate da semicolonne, mentre il quarto ordine è suddiviso in riquadri intervallati da finestre. 

FORI IMPERIALI

Foro di Cesare, Foro di Augusto, Foro Transitorio ed il Foro di Traiano, che è certamente il più grandioso, costituiscono, da un punto di vista urbanistico, un complesso organico ridenominato in epoca moderna dei Fori Imperiali che si estende tra il Campidoglio e il Quirinale. I Fori Imperiali furono riportati alla luce tra il 1924 ed il 1932 a seguito della demolizione degli edifici costruiti nell’area per la realizzazione dell’attuale Via dei Fori Imperiali.

www.capitolium.org

 
PANTHEON

Piazza della Rotonda

Dedicato al culto di tutti gli dei, il Pantheon fu costruito dall’imperatore Adriano tra il 118 e il 125 d.C. sui resti di un precedente tempio del 27 a.C., di cui porta ancora l’iscrizione. Venne poi consacrato come chiesa cristiana nel 609 con il nome di Santa Maria ad Martyres. Nel 1870 è divenuto sacrario dei re d’Italia e accoglie le spoglie di Vittorio Emanuele II, Umberto I e Margherita di Savoia. Vi è anche sepolto il sommo artista rinascimentale Raffaello Sanzio.

VITTORIANO
Il monumento, che celebra il Padre della Patria e la stagione risorgimentale, fu eretto nel 1878 dopo la morte di Vittorio Emanuele II di Savoia primo Re d'Italia. Per la sua costruzione fu indetto un concorso che vinse Giuseppe Sacconi, architetto marchigiano, votato dalla commissione reale. La richiesta del concorso prevedeva “un complesso da erigere sull’altura settentrionale del Campidoglio; una statua equestre in bronzo del Re; uno sfondo architettonico atto a coprire gli edifici retrostanti e la Chiesa di Santa Maria in Aracoeli”. Il monumento ospita anche spazi espositivi per mostre d’arte.
 
Basiliche e Chiese
BASILICA DI SAN PIETRO
La Basilica di San Pietro è una delle chiese più grandi al mondo. La primitiva Basilica di San Pietro fu eretta intorno al 320 dall’imperatore Costantino dove, secondo la tradizione, fu sepolto l’apostolo Pietro. Grazie a grandi artisti come Bramante, Michelangelo e Bernini l'originaria basilica costantiniana subì un completo rifacimento nell’arco di circa duecento anni. Tra i capolavori da non perdere ci sono: l'armoniosa cupola ideata da Michelangelo Buonarroti che sorprende per dimensioni e bellezza; la Pietà di Michelangelo, un'opera che affascina per tecnica ed emotività; lo splendido colonnato commissionato da Papa Alessandro VII Chigi a Bernini composto da ben 284 colonne di ordine Dorico e ottantotto pilastri in travertino di Tivoli. Il colonnato è coronato da una serie di 140 statue di santi alte oltre 3 metri.
BASILICA DI SAN PAOLO FUORI LE MURA
La Basilica di San Paolo fuori le Mura è la seconda basilica più grande dopo quella di San Pietro. Secondo la tradizione, in questo luogo i primi cristiani eressero una cappella sepolcrale trasformata poi in basilica da Costantino e consacrata nel 324 da papa Silvestro I. Il tempio, ricostruito più ampio nel 385, fu terminato nel 395 al tempo dell’imperatore Onorio. La forma attuale è opera Pasquale Belli che la ricostruì tra il 1825 e il 1854. Il quadriportico, composto da 150 colonne, venne progettato da Poletti e terminato da Calderini: al centro la statua di San Paolo, di Giuseppe Obici (1807-1878). La Facciata è decorata con mosaici eseguiti tra il 1854 e il 1874 mentre la Porta in bronzo verde, ad opera di Antonio Maraini, fu collocata nel 1931 e, per il Giubileo del 2000, venne inserita la nuova Porta Santa in bronzo dorato, dello scultore Enrico Manfrini
 
CHIESA DI S.MARIA IN COSMEDIN- BOCCA DELLA VERITÀ 
La famosa Bocca della Verità si trova nel portico della Chiesa di Santa Maria in Cosmedin. È probabilmente un antico tombino a forma di maschera con un volto maschile con occhi, naso e bocca forati per fare defluire l’acqua. La Chiesa di Santa Maria in Cosmedin fu fondata nel VII secolo. Restaurata più volte nel corso dei secoli, ospita all'interno alcuni elementi decorativi dell'VIII e dell'XI secolo, come il matroneo e la "Schola Cantorum”. L'interno è diviso da tre navate con pilastri e colonne antiche. All'esterno si trova il campanile a sette piani di bifore e trifore, in stile romanico.
CHIESA SS. TRINITÀ DEI MONTI
Tra il 1502 e il 1519 fu costruita la prima parte della Chiesa di Trinità dei Monti in stile Gotico. Verso la metà del XVI secolo, alla navata gotica si aggiunse un nuovo corpo di fabbrica coperto da volta a botte e chiuso da una facciata ornata da due campanili simmetrici, opera di Giacomo della Porta e Carlo Maderno. La chiesa fu consacrata nel 1585 da papa Sisto V. Al suo interno si trovano importanti affreschi. Un ciclo di affreschi del 1541 in una delle prime cappelle è di Daniele da Volterra, tra cui la Deposizione. Mentre la cappella Massimo conserva affreschi di Perin del Vaga. Davanti alla chiesa, si erge l’Obelisco Sallustiano ad opera di dall’architetto Antinori.
 
Piazze e Fontane
PIAZZA NAVONA

È sicuramente la più elegante e la più gioiosa Piazza Romana, sorta sulle ceneri dello Stadio di Domiziano, ed è ancora oggi un punto di ritrovo per romani e turisti che si trattengono nei molti caffè all’aperto che la circondano. Utilizzata in antichità per gare atletiche e competizioni di vario tipo, oggi Piazza Navona ospita ogni giorno artisti di strada, pittori e ritrattisti che in pochi minuti riescono a catturare i tratti più caratteristici del modello. Da non perdere la Fontana dei Fiumi e la Chiesa di Sant’Agnese in Agone.

FONTANA DI TREVI 

La celebre Fontana di Trevi in stile Rococò fu iniziata da Nicola Salvi nel 1732 e completata nel 1762 da Giuseppe Pannini. Il monumento, alimentato da uno dei più antichi acquedotti romani, quello dell’Acqua Vergine, raffigura un Oceano su un cocchio a forma di conchiglia trainato da cavalli marini, guidati da tritoni. Prima di allontanarsi non dimenticarsi di lanciare una monetina nella fontana, che assicura il ritorno nella città eterna.

 
CAMPO DEI FIORI
La piazza di Campo de’ Fiori è un centro nevralgico della città. Di giorno è nota per il suo mercato storico e folkloristico con i banchi ortofrutticoli, di notte e per la sua divertente movida da vivere tra ristoranti e locali. Campo de’ Fiori è anche nota per essere stata il principale palcoscenico delle esecuzioni pubbliche come quella del filosofo Giordano Bruno, messo al rogo nel 1600 perché considerato un eretico e ricordato con una statua proprio nel centro della piazza. Da Campo de’ Fiori, che si trova quasi a metà fra piazza Navona e piazza Farnese, si diramano vicine le storiche vie con botteghe tradizionali assolutamente da non perdere, come Via dei Baullari, Via dei Cappellari o via Via dei Giubbonari.
 
FONTANONE DELL'ACQUA PAOLA
Nota come Fontanone del Gianicolo, la fontana domina una terrazza che si affaccia sulla città. Per volere di papa Paolo V Borghese fu realizzata tra il 1610 e il 1614 dagli architetti Giovanni FontanaFlaminio Ponzio e dallo scultore Ippolito Buzio per decorare l’Acquedotto Traiano-Paolo. La fontana è costituita da cinque grandi arcate fiancheggiate da colonne in granito rosso e grigio che appartenevano all’antica basilica costantiniana di San Pietro. Un piccolo giardino si trova dietro la fontana, che papa Alessandro VII Chigi aveva destinato ad Orto Botanico, al quale si accede attraverso una scalinata in via Garibaldi n.30 e da dove si gode una splendida vista panoramica di Roma.
 
Musei e Gallerie
MAXXI

Via Guido Reni, 4 A

Progetto dell'architetto anglo-iracheno Zaha Hadid, il Museo Nazionale per le Arti del XXI secolo è un complesso a sviluppo orizzontale concepito come “un delta con vari fiumi”: otto volumi longitudinali, intrecciati e piegati tra di loro solcano un’area di 30 mila metri quadrati. Gli spazi interni sono dedicati alla creatività contemporanea, pensati come raccoglitori per la cultura, la sperimentazione, lo studio e la ricerca.

MUSEI VATICANI

Viale Vaticano, 100

I magnifici e vastissimi Musei Vaticani rappresentano uno dei complessi museali più grandi e interessanti del mondo. Il complesso dei Musei Vaticani racchiude al suo interno diversi musei: Museo Pio Clementino, Museo Chiaramonti, Museo Gregoriano Etrusco, Museo Gregoriano Egizio, Museo Gregoriano Profano, Museo Pio Cristiano, Museo Missionario Etnologico, Collezione d’Arte Religiosa Moderna, Gallerie Superiori, Museo della Biblioteca Vaticana, la Pinacoteca e naturalmente l’ineguagliabile Cappella Sistina.

 
 
MUSEI CAPITOLINI
I Musei Capitolini sono i più antichi musei pubblici del mondo e risalgono al 1471. Le raccolte dei Musei Capitolini sono esposte in due edific,i il Palazzo dei Conservatori e il Palazzo Nuovo, che insieme al Palazzo Senatorio delimitano la piazza del Campidoglio. Una galleria sotterranea collega i due palazzi tra loro ed ospita la Galleria Lapidaria che conduce all’antico Tabularium con arcate monumentali sul Foro Romano. Ai Musei Capitolini si può ammirare la storica statua equestre in bronzo di Marco Aurelio. Dopo la visita ci si può fermare al punto di ristoro dei Musei Capitolini, sulla terrazza di Palazzo Caffarelli, che offre un bel panorama. 
MUSEO DELL'ARA PACIS
Il nuovo complesso museale è stato riprogettato da Richard Meier & Partners Architects (studio statunitense noto per aver realizzato alcuni dei più famosi musei del Novecento), preservando il monumento dell’Ara Pacis, uno dei massimi esempi dell’arte classica che fu costruita per celebrare il consolidamento del potere di Roma sotto l’impero di Augusto. Il percorso museale è articolato in 9 diversi punti di interesse (POI), di cui il POI 1 e il POI 2, realizzati con la combinazione di riprese cinematografiche, realtà virtuale e tecnologie immersive, che costituiscono la novità principale del Museo dell'Ara Pacis.
 
GALLERIA BORGHESE
La Galleria Borghese si trova in un bel parco verde ed ospita tesori artistici e la raccolta di opere d'arte collezionate dal Cardinale Scipione Borghese, che fece costruire questa villa nei primi del 1600 per custodire proprio le sue opere. La Galleria Borghese ha un’esposizione delle opere che riflette il gusto dei suoi antichi proprietari. Da non perdere:  le sculture realizzate per il cardinale dal giovane Gian Lorenzo Bernini (Enea, Il ratto di Proserpina, Apollo e Dafne, e il David), l’Amor Sacro e Amor Profano di Tiziano, i capolavori di Caravaggio e la Principessa Paolina Borghese, sorella di Napoleone, ritratta dal Canova come Venere Vincitrice.
PALAZZO SPADA E LA GALLERIA PROSPETTICA
La Galleria Prospettica del Borromini è all’interno di Palazzo Spada, che si trova nella piazza Capo di Ferro, nei pressi di piazza Farnese e Campo de’ Fiori. Realizzata tra il 1652 e il 1653, la galleria è un gioco prospettico tipico del periodo Barocco. Lunga 9 metri, l'architettura borrominiana viene percepita più profonda, un effetto ottenuto grazie al pavimento in salita, le pareti convergenti e la volta in discesa, così da percepire le colonne laterali che si rimpiccioliscono verso il fondo. La visita prosegue all’interno delle sale della Galleria Spada dove si ammira la collezione privata del cardinale Bernardino Spada con dipinti, sculture antiche, arredi e mobili d’epoca. 
 
Escursioni
PARCO SAVELLO O GIARDINO DEGLI ARANCI
Parco Savello, conosciuto anche come Giardino degli Aranci, è un piccolo giardino che sorge in cima all’Aventino, uno dei più eleganti colli di Roma, tra le mura medievali e i resti dell’antica fortezza della famiglia dei Savelli. Gli alberi del parco sono stati piantati in ricordo di S. Domenico che fondò proprio qui il suo convento. Dal Parco Savello è possibile ammirare una incantevole panorama di Roma, dall’ansa del Tevere fino alla Basilica di San Pietro. Usciti dal Giardino degli Aranci e girando a destra, si arriva nella Piazza dei Cavalieri di Malta progettata da Giovan Battista Piranesi nel 1765. Una curiosità: dalla serratura del portone che porta alla Villa dei Cavalieri si può intravedere la cupola di San Pietro, bellamente incorniciata dai verdi giardini.
ROMA SOTTERRANEA: IPOGEI DEL COLOSSEO
Gli spazi degli ipogei del Colosseo si conservano ad oggi nelle condizioni in cui erano alla fine del V secolo d.C., quando furono interrati. La visita porta indietro nel tempo per rivivere i giochi dei gladiatori e vedere dove si svolgevano gli ultimi preparativi prima che le belve feroci e gli stessi gladiatori salissero sul piano dell’arena. Qui è possibile scoprire le incredibili tecniche ingegneristiche che permisero ai romani di completare questa enorme struttura storica. Usato per mostrare lotte tra gladiatori e scene di caccia con animali esotici e feroci, il colosseo probabilmente aveva una capacità intorno a 70 mila persone ed era dotato di montacarichi, rampe e trappole utili per l'esecuzione degli spettacoli.
 
ROMA DALL’ALTO

Roma offre punti panoramici, ognuno con una sua particolarità, da cui godere di una splendida vista: dal colle del Gianicolo si possono ammirare affascinanti scorci sul centro storico. Dalle Terrazze del Vittoriano, due ascensori panoramici, inaugurati nel 2007, permettono di raggiungere il punto più alto del Complesso, dal quale è possibile ammirare Roma a 360°. Dal Pincio si apprezza una delle più belle viste di tutto il mondo. Un panorama mozzafiato si ammira anche dal Giardino degli Aranci e dalla Cupola di San Pietro.

OSTIA

L’architettura moderna dona un certo fascino all’area di Ostia Lido e ne costituiscono un esempio le palazzine ed i villini Liberty del centro storico, le case popolari su via della Marina e sul corso Duca di Genova, oppure il Palazzo del Pappagallo che s’incontra sulla Piazza Anco Marzio, passeggiando sul lungomare. L’opera residenziale, realizzata dall’architetto Mario Marchi alla fine degli anni ’20 presenta nella facciata un vivace assortimento di colori, tornati all’originale splendore e brillantezza grazie ad un recente intervento di restauro. Sono di questo periodo anche: il Palazzo del Governatore e la Colonia.

 
VILLA D'ESTE
Villa d’Este è inserita nella lista UNESCO del patrimonio mondiale ed è famosa per il suo giardino. Fu costruita nel 1550 su volere del Cardinale Ippolito II d’Este ed è caratterizzata da fontane, ninfei, grotte e giochi d’acqua. All’interno dei giardini di Villa d’Este si trova anche il Museo del Libro, dedicato ai libri antichi dal papiro alla carta stampata.
TIVOLI
Tivoli si trova a circa 25 chilometri da Roma. Merita una visita per ammirare Villa Adriana, la grande villa appartenuta all'imperatore romano Adriano, che testimonia l'alto livello dell’architettura romana. Inoltre anche Villa d’Este, fatta realizzare nel 1550 dal Cardinale Ippolito II d’Este, famosa per i numerosi giochi d’acqua. Da non perdere anche il parco naturalistico di Villa Gregoriana e il Santuario d'Ercole Vincitore.
 
Destinazioni che puoi trovare nelle vicinanze
Avion Tourism Magazine
Scarica Avion Tourism Magazine
in versione digitale
Su questo numero ti proponiamo AmmanFaroRoma, Tangeri e Johannesburg Scopri le destinazioni direttamente sul sito internet oppure scarica gratuitamente il pdf della rivista.
Fatti ispirare
Iscriviti alla newsletter e scopri consigli utili per il tuo prossimo viaggio
Iscriviti ora!