Scopri

Trapani

La città tra i due mari
Trapani è posizionata nella parte occidentale della Sicilia, ed è denominata “città tra due mari” perché si trova su una lingua di terra bagnata dal mar Mediterraneo da un lato e dal mar Tirreno dall’altro.
Nei secoli la città di Trapani ha subito numerosi cambiamenti pur mantenendo la sua caratteristica forma a falce alla cui estremità si erge la Torre di Ligny, edificata nel 1671 e oggi sede del Museo della Preistoria.
 

 
È proprio il mare che abbraccia la città di Trapani ad essere oggi come in passato la sua principale fonte di vita. Fin dalla seconda metà del ‘500 i grandi maestri corallai hanno reso famosa la città nel mondo con i loro preziosi manufatti. È possibile ammirare una bellissima collezione di opere in corallo nel Museo Pepoli, sito nell’antico Convento dei Carmelitani adiacente al Santuario dell’Annunziata, dove si trova la statua marmorea della Madonna di Trapani risalente al XIV secolo.
 
Le Saline
Le saline
Ed è ancora il mare che, attraverso le saline, offre un altro aspetto caratteristico di Trapani e di tutta la costa che si estende fino a Marsala. Le saline e la coltivazione del sale hanno, con i numerosi mulini disseminati lungo la costa, caratterizzato il paesaggio naturalistico ed ambientale nelle cui basse e tiepide acque si può osservare una varietà di uccelli acquatici.
 
Passeggiando per le strade del centro storico che conducono tutte verso il mare è evidente l’eredità architettonico-monumentale ereditata dalla città dalla sua lunga storia risalente alla mitologia greca quando la falce caduta dalle mani di Saturno si tramutò in una lingua di terra arcuata su cui sorse Drepanon che in greco antico significa proprio “falce”.
 
I quartieri
Corso Vittorio Emanuele
 
Ogni quartiere di Trapani conserva un fascino particolare come il quartiere ebraico, con il Palazzo della Giudecca o il quartiere Casalicchio che, con il suo labirinto di stradine di richiamo arabeggiante, è il nucleo più antico della città.
 
Le chiese
Numerose sono le chiese che conservano al loro interno, come scrigni preziosi, opere d’arte da ammirare come: la Cattedrale di S. Lorenzo, in cui è conservata una Crocifissione attribuita al pittore fiammingo Van Dyck,  la Chiesa di Santa Maria del Gesù, che accoglie una Madonna con Bambino di Andrea della Robbia e la Chiesa del Purgatorio, con la facciata progettata dall’Architetto G. B. Amico, dove sono custoditi i venti gruppi sacri dei Misteri di Trapani che ogni anno, il Venerdì Santo, rinnovano la passione e la morte di Gesù Cristo in una processione che percorre, per 24 ore consecutive, le strade del centro storico.
 
La cucina di Trapani
Infine, la mescolanza di razze e tradizioni che hanno caratterizzato la storia di Trapani hanno condizionato anche la sua gastronomia. Ovunque si è accompagnati dagli aromi della tipica cucina trapanese, dai forti sapori e dagli odori speziati la cui pietanza più caratteristica è il couscous con la zuppa di pesce. Da provare anche gli arancini di carne, la caponata, i prodotti affumicati delle tonnare e i ricci freschi con pane e limone.
 
Il Cous Cous di Pesce
Arancini di carne
 
Caponata siciliana
Ricci di mare
 

Dove dormire a Trapani
 
Trapani è una città accogliente ed offre diverse possibilità di soggiorno in strutture dotate di ogni confort.

Per trovare l'hotel ideale e le migliori offerte si può fare una ricerca per stelle ma anche per quartieri o luoghi d'interesse.  

 
STELLE
Hotel per stelle, suddivisi per la tipologia dei servizi offerti:
STELLE
Hotel per stelle, suddivisi per la tipologia dei servizi offerti:
 
QUARTIERI
Hotel nei quartieri
 
LUOGHI DI INTERESSE
Hotel nelle aree turistiche
AEROPORTO
Hotel vicino all'aeroporto
 
REGIONE

Testi di Enzo Cuppatri
Foto: Sisterscom.com, Shutterstock
Copyright © Sisterscom.com
Pubblicato su Avion Tourism N56 - Aggiornamento Alisè Vitri, gennaio 2019
 
 
 
Dove andare
Monumenti
PALAZZO SENATORIO O CAVARRETTA

Via Torrearsa

Fu Don Giacomo Cavarretta, cavaliere gerosolimitano, a fare edificare nel 1672 il Palazzo Senatorio su progetto dell’architetto Andrea Palma. Il Palazzo, che nel tempo subì diverse modifiche, è strutturato su tre ordini. Sorge sul luogo su cui vi era l’antica Loggia dei Pisani, il cui nome “Loggia” viene tuttora dato alla zona dai trapanesi. Palazzo Cavaretta, divenuto la Casa del Senato trapanese, è oggi sede municipale.

PIAZZA VITTORIO EMANUELE

Ubicata al centro della città di Trapani, ne divide la parte antica da quella di più recente costruzione. La Piazza si caratterizza per la statua di Vittorio Emanuele II realizzata nel 1882 dal senese Giovanni Duprè. Di fronte si trova la Fontana del Tritone realizzata nel 1890 in ricordo della costruzione dell’acquedotto “Dammusi”. Al centro della fontana è situato il monumento bronzeo del Tritone, realizzato nel 1951 dal maestro trapanese Domenico Li Muli.

 
CATTEDRALE SAN LORENZO

Corso Vittorio Emanuele

Risalente al XIV secolo, la Cattedrale di San Lorenzo venne eretta nel 1421 da Alfonso il Magnanimo. Nel tempo subì diverse modifiche. Nel 1639 venne ristrutturata, occupando anche il Consolato dei Genovesi, su progetto dell’architetto Frà Bonaventura Certo. Dal 1748 ha assunto l’aspetto attuale ad opera dell’architetto G.B. Amico, con la realizzazione delle cappelle laterali, la cantoria, il coro, la cupola, il campanile ed il prospetto.

VILLA MARGHERITA

Viale Regina Margherita

Le origini di Villa Margherita risalgono agli anni successivi all'Unità d'Italia mentre fu aperta al pubblico negli anni 1889 e 1890 e dedicata alla regina Margherita di Savoia, prima regina d'Italia. Il parco è di forma rettangolare con una superficie di 21.000 metri quadrati. Fulcro del giardino e luogo ammaliante è il teatro all'aperto dove vengono rappresentate diverse opere liriche e calcano la scena diversi artisti di fama internazionale.

 
Musei
MUSEO DEL SALE

Via Chiusa - Nubia Paceco 

Grazie ad un percorso guidato, gli ospiti del museo ripercorrono le tappe e le vicende di una storia lunga secoli e secoli. Si scopre l'armonia del territorio trapanese che unisce mare e terra comprendendo un grande valore culturale della salicoltura. È possibile visitare direttamente le saline circostanti tra i canali che dividono le diverse saline.

MUSEO TRAPANESE PREISTORIA E PROTOSTORIA-TORRE DI LIGNY

Via Torre di Ligny

Alla punta estrema della città di Trapani, la Torre venne fatta edificare nel 1671 dal viceré Claudio La Moraldo, principe di Ligny, che presumibilmente affidò l’incarico a Carlos De Grunemberg. La forma è quadrangolare e la struttura è in pietra e tufo. Il prospetto principale è rivolto verso la città e si caratterizza per la piccola porta d’ingresso, una finestra ad arco ribassato sormontata da tre stemmi, una lapide ed un balcone. È sede del Museo trapanese della Preistoria e Protostoria.

 
MUSEO REGIONALE “A. PEPOLI”
Via Conte Agostino Pepoli, 180

Il Museo Regionale A. Pepoli, ubicato nei locali dell’ex convento dei Padri Carmelitani, ospita le raccolte di manufatti in corallo, oro, argento, maiolica e di scultura presepiale dei secoli XVII e XVIII. Intitolato al suo fondatore, il conte Agostino Sieri Pepoli, custodisce anche significative opere di scultura e pittura tra cui un “San Giacomo”, capolavoro di Antonello Gagini, polittico dei primi anni del secolo VX, e un dipinto attribuito a Tiziano.

 
Escursioni
MOZIA

L’isola di Mozia insieme alle isole Longa, di S. Maria e della Schola formano le Isole dello Stagnone, la più grande laguna della Sicilia annoverata tra le zone umide più importanti d’Europa. L’Isola divenne un sito strategico per la sua vicinanza alla potente Cartagine. La sua fondazione viene collocata intorno al VIII secolo a.C. e riportata alla luce solo nel 1875, quando Giuseppe Whitaker iniziò gli scavi. La Villa Whitaker oggi è museo e ospita tutti i reperti archeologici.

ISOLE EGADI

Favignana, Levanzo e Marettimo sono di fronte al porto di Trapani, vi si arriva in pochi minuti e si è subito immersi in un ambiente incontaminato e di rara bellezza. Favignana, dominata dal Monte di S. Caterina, accoglie il visitatore con la regalità della Tonnara Florio, esempio imponente di archeologia industriale ma anche con l’eleganza e la leggerezza tipica dello stile Liberty del Palazzo Florio. A Levanzo si trovano invece fondali ricchi di testimonianze archeologiche e a Marettimo, più lontana e selvaggia, è possibile visitare le sue splendide grotte.

Aeroporti nelle vicinanze di Trapani
Avion Tourism Magazine
Scarica Avion Tourism Magazine
in versione digitale
Su questo numero ti proponiamo AmmanFaroRoma, Tangeri e Johannesburg Scopri le destinazioni direttamente sul sito internet oppure scarica gratuitamente il pdf della rivista.
Fatti ispirare
Iscriviti alla newsletter e scopri consigli utili per il tuo prossimo viaggio
Iscriviti ora!