Scopri

Palermo

Città dal patrimonio culturale unico e sorprendente
Palermo è una delle città più ricche di monumenti d’arte dai numerosi stili,  retaggio delle svariate dominazioni subite. Ognuna delle quali ha lasciato significative tracce del proprio passaggio: dai romani ai bizantini, dagli svevi ai francesi, dagli spagnoli agli austriaci.
Palermo è anche la quinta città più grande d’Italia, con un centro storico tra i più vasti d’Europa, dove sono concentrati più di 500 monumenti tra palazzi e chiese, oltre a sette teatri.
 
Chiesa di San Giuseppe dei Teatini  e Fontana Pretoria 
La Cattedrale, del 1184, è considerata ‘Il libro di storia di Palermo’, per la presenza di tutte le tracce delle dominazioni che si sono avvicendate nella città.
 
La Cattedrale di Palermo
Nelle prime due cappelle a destra si trovano le tombe reali in porfido rosso, tra cui di particolare importanza quella di Federico II di Svevia che amò molto la città dove aveva collocato la sua corte di re di Sicilia; nella chiesa si trova anche l’urna argentea di Santa Rosalia, patrona di Palermo, che viene portata in processione ogni 15 luglio con grande solennità. La Santa è venerata anche nel Santuario a lei dedicato, sul Monte Pellegrino che domina la città, fondato nel 1625, un anno dopo il ritrovamento nella grotta adiacente delle sue spoglie, proprio il 15 luglio.
 
 
 La Chiesa di San Cataldo
Le chiese
Nella città di Palermo vi sono chiese di alto valore artistico: la Chiesa di Santa Maria dell’Ammiraglio, più nota come la Martorana, in omaggio alla nobile coppia di benefattori Martorana che dette vita al vicino convento delle benedettine; la Chiesa di San Cataldo, costruita sotto il regno di Guglielmo I nel 1154 quale cappella di un sontuoso palazzo, bell’esempio di architettura araba con le tipiche cupole rosse. Ma è presente anche l’arte Barocca, nella Chiesa del Gesù, o Casa Professa, costruita nel 1564 dai Gesuiti, dalla facciata semplice ma dall’interno di un raro splendore, ricco di marmi e affreschi dorati.
 
Gli oratori e i palazzi
Numerosi e degni di visita sono anche gli Oratori, luoghi di assemblea e di culto, soprattutto quelli di Santa Cita, di San Lorenzo e del SS Rosario per la presenza di magistrali stucchi realizzati dal grande scultore siciliano Giacomo Serpotta.
 
Palazzo della Zisa
Stupefacente è il Palazzo della Zisa, dall’arabo, al-Aziz, ovvero splendido, costruito nel XII secolo come residenza estiva dei re normanni; con la stessa finalità fu elevata la Cuba, dall’arabo Qubba, cupola, dove i re normanni trascorrevano ore di riposo al centro del vasto Parco Jannatt al-ard, Genoardo, la cui traduzione dall’arabo è ‘Paradiso in Terra’.
 
Palazzina Cinese
Palazzina Cinese
E nell’area verde più estesa di Palermo, il Parco della Favorita, si trova la Palazzina Cinese, fatta edificare nel 1799 dal re spagnolo Ferdinando III di Borbone come sua residenza, nello stile Orientale, all’epoca molto di moda. Qui sono da ammirare oltre alla facciata, le numerose splendide sale. Nella dépendence dal 1934 è stato trasferito il Museo Etnografico Siciliano ‘G. Pitré’, con costumi, carretti, presepi, ex-voto e ceramiche del passato locale.
 
Il Palazzo delle Aquile
Piazza Pretorio
La sede del Comune è ospitata nel Palazzo delle Aquile, o Pretorio, che deve il suo nome alla presenza negli ornamenti di numerose aquile, simbolo della città e retaggio di epoca Romana come espressione di potere.
 
Palazzo Reale
Il Palazzo Reale
L’arte arabo-normanna si manifesta in tutta la sua eleganza nel Palazzo Reale o dei Normanni, oggi sede della Regione Sicilia: costruito dagli emiri arabi nel X secolo, fu scelto dai re Normanni come fortezza, in seguito come sontuosa dimora.

Da non perdere una visita alla Galleria Regionale della Sicilia, o Palazzo Abatellis, per ammirare una perla del Rinascimento italiano, la splendida Annunciazione di Antonello da Messina.
 
Il Teatro Massimo
Il teatro Massimo
Palermo possiede anche il terzo teatro più grande d’Europa dopo l’Opera National di Parigi e il Wiener Staastofer di Vienna: il Teatro Massimo, celebre in tutto il mondo per le sue rappresentazioni. Divertente anche il Museo delle Marionette ‘A. Pasqualino’, con una bella collezione di pupi del passato.
 
Caratteristici gli storici mercati, di cui i più famosi sono Vucciria, nato in origine come mercato delle carni, e il più antico, Ballarò. Qui si possono trovare tutti gli ingredienti per realizzare cibi della tradizione, tra cui i più noti sono la caponata, melanzane fritte in salsa agrodolce, lo sfincione, una sorta di pizza, pesce spada e, per i dolci, sono rinomati nel mondo i deliziosi cannoli, fatti di pasta fritta arrotolata e ripieni di crema di ricotta con canditi. 
 
La cucina siciliana
La cultura gastronomica della Sicilia trae origine delle tradizioni culinarie delle popolazioni che si sono stabilite nell'isola e tramandate di generazione in generazione. Tra i prodotti più diffusi e riconosciuti a livello internazionale ci sono: gli arancini, il cannolo siciliano, la cassata e la granita siciliana. Rinomati sono anche i piatti unici come la caponata, l'insalata di arance, la parmigiana di melanzane e il gâteau di patate. La pasta è consumata quotidianamente e condita con verdure, carne, pesce, ricotta e sughi. Da assaggiare ci sono anche: gli anelletti al forno, la pasta con le sarde, la pasta alla norma, spaghetti alla carrettera e la pasta 'ncaciata. Carne e pesce cucinati con svariate ricette abbondano. Da non perdere c'è il pesce spada alla ghiotta, lo stoccafisso alla messinese, le polpette di bianchetti e le sarde beccafico.
 
Cannolo siciliano
Sfincione
 
Caponata
Melanzane alla parmigiana
 
Dove dormire a Palermo
 
Palermo è una città accogliente ed offre diverse possibilità di soggiorno in strutture dotate di ogni confort.

Per trovare l'hotel ideale e le migliori offerte si può fare una ricerca per stelle ma anche per quartieri o luoghi d'interesse.  

 
STELLE
Hotel per stelle, suddivisi per la tipologia dei servizi offerti:
 
AEROPORTO
Hotel vicino all'aeroporto
 
REGIONE
 
 
 
Testi di Anna Glik
Foto: Sisterscom.com
Shutterstock
Video: www.visitsicily.info
Copyright © Sisterscom.com
Pubblicato su Avion Tourism N56 - Aggiornamento giugno 2018
 
 
 
Dove andare
Monumenti
CATTEDRALE
Corso Vittorio Emanuele
La Cattedrale di Palermo fu costruita nel 1184 ed è considerata il “libro della storia di Palermo” poiché tutte le dominazioni, che si sono succedute nel corso dei secoli, hanno lasciato traccia del loro passaggio. Suggestivo è il prospetto meridionale, posto su via Vittorio Emanuele, con un bellissimo portico realizzato nel 1453 che rappresenta un capolavoro del Gotico fiorito.
www.cattedrale.palermo.it
CHIESA DI SANTA MARIA DELL’AMMIRAGLIO o DELLA MARTORANA
Piazza Bellini, 3
La Chiesa di Santa Maria dell’Ammiraglio fu edificata nel 1143 da Giorgio di Antiochia, ammiraglio del re Ruggero II. Nel XV secolo fu concessa al vicino convento delle suore Benedettine, fondato nel 1194 da Goffredo ed Eloisa Martorana, per questo da allora la Chiesa è conosciuta anche come “Martorana”. L’edificio è formato dal santuario, in tipico stile Arabo-Normanno, e dalle navate Barocche aggiunte alla fine del XVII secolo.
 
CASTELLO DELLA ZISA
Piazza Zisa
I lavori di costruzione del Castello della Zisa, residenza estiva dei re Normanni, furono ultimati nel 1167. Il suo nome deriva dall’arabo “al-Aziz”, che significa “splendido”. Durante i secoli ha subito diverse trasformazioni. Sull’arco d'ingresso è stato collocato un affresco Barocco detto “Diavoli della Zisa”, ovvero una serie di figure che secondo la tradizione sono impossibili da contare.
PALAZZO DELLE AQUILE O PRETORIO
Piazza Pretoria
Il Palazzo civile delle Aquile è il più rappresentativo della città poiché anche sede del Comune di Palermo. L'edifico fu costruito nel 1470 ma durante i secoli successivi subì innumerevoli rifacimenti. Sulla facciata principale è posta la statua della Santa patrona di Palermo, S. Rosalia, realizzata nel 1661. Inoltre sulla facciata ed anche all’interno è possibile ammirare numerose aquile di diversa fattura. L’aquila infatti è il simbolo della città e, per questo, il Palazzo è conosciuto anche con il nome di “Palazzo delle Aquile”.
www.palazzodelleaquile.org
 
TEATRO MASSIMO
Piazza Verdi
Il Teatro Massimo copre un’area di 7.730 metri quadrati ed è stimato come il terzo teatro d’Europa per estensione, capacità e requisiti tecnici. L’ingresso è caratterizzato da un colonnato esastilo su una monumentale gradinata. Sulle sponde delle scale si trovano due opere in bronzo che rappresentano la Tragedia, di Benedetto Civiletti, e la Lirica, di Mario Rutelli.
www.teatromassimo.it

 
Musei
GALLERIA REGIONALE DELLA SICILIA - PALAZZO ABATELLIS
Via Alloro, 4
La Galleria Regionale della Sicilia ha sede, dal 1953, nella grandiosa dimora tardo-quattrocentesca in stile Gotico-Catalano di Francesco Patella o Abatellis, che fu maestro portolano del regno e pretore della città. Al suo interno sono esposte opere di artisti siciliani Medievali, croci tardo-Medievali, vasi, manufatti di epoca Araba, pitture del Seicento e del Settecento. Tra le opere d’arte di maggior rilievo da visitare c’è lo splendido affresco del “Trionfo della Morte” (artista ignoto), realizzato nel XV secolo.
GALLERIA D’ARTE MODERNA
Via S. Anna, 21
Nel 1910 il Ridotto del Teatro Politeama divenne la sede della Galleria d'Arte Moderna. Dopo quasi un secolo, il Museo si trasferì nel centro storico della città nel Complesso di Sant'Anna alla Misericordia, residenza privata nel Quattrocento e Convento Seicentesco. La galleria espone 214 opere, di cui 176 dipinti e 38 sculture acquistate alla Biennale di Venezia o da collezioni private ma anche ricevute in dono. Esse rappresentano un’importante testimonianza dell’arte italiana dal ‘700 ai primi anni del ‘900.
www.gampalermo.it
MUSEO ETNOGRAFICO “G.PITRÈ’”
Viale Duca degli Abruzzi, 1
Il Museo Etnografico fu fondato nel 1909 da Giuseppe Pitrè, folclorista e studioso di costumi e tradizioni popolari, il quale raccolse il materiale che oggi costituisce il nucleo centrale del Museo. Inizialmente sistemato in un ex convento, dal 1934 fu trasferito nella dèpendance della Palazzina Cinese. Il Museo conserva circa 4000 oggetti tra costumi, pupi, carretti, presepi, ceramiche, stampe popolari religiose, ex voto e pitture su vetro.
 
Escursioni
ORTO BOTANICO
Via Lincoln, 2
L'Orto Botanico è stato istituito nel 1781 a completamento della Cattedra di Botanica della Reale Accademia e rappresenta una realizzazione di eccezionale interesse a livello europeo, sia per il valore storico, che per il rilievo scientifico e didattico. L’Orto Botanico annovera, approssimativamente, una decina di migliaia di specie, alcune anche rare, appartenenti a circa 250 famiglie.
www.ortobotanico.unipa.it
SEGESTA, NUBIA, LE SALINE DI TRAPANI E ERICE
Da Palermo si parte alla scoperta di Segesta, Nubia, le saline di Trapani e la piccola città di Erice situata sulla vetta del monte omonimo. Segesta, antica città fondata dagli Elimi, è un sito archeologico greco che sorge sul Monte Barbaro. Nel parco archeologico ci sono il tempio, in stile dorico, e il teatro scavato nella roccia della collina. Nel tragitto da Nubia verso le saline di Trapani si ammira la splendida costa della Sicilia e i suoi paesaggi naturali. Ad Erice, cittadina medievale in cima al monte omonimo, merita una visita il Castello di Venere e il bel Duomo dell'Assunta.
 
MONREALE
CEFALU'
 
Aeroporti nelle vicinanze di Palermo
Avion Tourism Magazine
Scarica Avion Tourism Magazine
in versione digitale
Su questo numero ti proponiamo Barcellona, Zara, Pafos, Crotone, Burgas e Marsa AlamScopri le destinazioni direttamente sul sito internet oppure scarica gratuitamente il pdf della rivista.
Fatti ispirare
Iscriviti alla newsletter e scopri consigli utili per il tuo prossimo viaggio
Iscriviti ora!