Scopri

Sofia

Città moderna, elegante e cosmopolita
Nel cuore della Penisola Balcanica, ai piedi del coreografico massiccio del Monte Vitosha, Sofia è una città moderna ed elegante, cosmopolita e viva, tipicamente occidentale, ricca di verde e di parchi, con un centro storico costellato di grandiosi monumenti.
Dopo Atene e Roma, è una delle città più antiche d’Europa e i resti delle vecchie fondamenta sono ancora oggi visibili. Conclusa la lunga parentesi della dittatura comunista, Sofia si è “riaperta” al mondo e al turismo, pronta a scoprire la sua millenaria storia, le sue opere d’arte e il suggestivo ambiente naturale in cui è immersa.
 
Tra il centro e la periferia, come diaframmi, si trovano grandi polmoni verdi cittadini, che rendono Sofia una delle capitali più verdi d’Europa. Sofia vanta inoltre numerose istituzioni universitarie
 
La piazza del Parlamento
La Piazza del Parlamento, con l’edificio parlamentare e l’imponente struttura universitaria, è la più grande della città. Numerosi gli edifici religiosi che testimoniano la presenza delle due maggiori dottrine, l’ortodossa e la cattolica.
 
Cattedrale Ortodossa Aleksandr Nevskij
Il raccolto centro storico, arioso e ordinato, quasi geometrico, con ampi e lunghi viali alberati, è dominato dalla grandiosa mole della Cattedrale Ortodossa Aleksandr Nevskij - simbolo della città - che ricorda la liberazione Russa nei confronti dei Turchi.
 
Cattedrale Ortodossa Aleksandr Nevskij
L’edificio sacro, in stile neo-Bizantino, iniziato nel 1882 e ultimato vent’anni dopo, ha una superficie di oltre 3mila mq. La sua cupola dorata raggiunge i 45 metri di altezza, affiancata da un campanile alto 50 metri con ben 12 campane. L’interno del tempio, a cinque navate, è splendidamente decorato, con una parte utilizzata come “Museo delle icone”, nell’ambito della Galleria Nazionale.
 
I monumenti
Partendo dalla splendida cattedrale è possibile visitare gli altri principali monumenti cittadini: la Rotonda di S. Giorgio, l’edificio più antico della città, che sorge accanto ad interessanti vestigia Romane; la Chiesa di S. Sofia, che dette il nome alla città, costruita da Giustiniano; il Monumento ai Liberatori, eretto nel 1907, con la statua equestre dello Zar Alessandro II; la spettacolare Piazza Aleksandar Battenberg, la Chiesa Ortodossa di Sveta Nedelja, la Sinagoga Centrale e la Moschea di Bania Bazi Dzamij.
 
 Hetman Bohdan Khmelnitsky monument and Saint Sophia's Cathedral
Sofia è una città tutta da vedere, ricca di musei - tra cui il Museo di Storia Nazionale - ma anche in grado di offrire innumerevoli opportunità di svago e di divertimento, di giorno come di notte, alla pari delle altre grandi capitali Europee. A Sofia non si può perdere una visita al Teatro Nazionale impreziosito dai giardini al centro dei quali sorge una fontana. Nel periodo estivo i giardini offrono la possibilità di sostare nei numerosi bar all’aperto che vengono organizzati. 
.
 
Il centro termale di Sofia
Le terme
Come molte città dell’Europa nord Orientale, Sofia è sede di bagni termali con acque ad elevate temperature. La gran parte delle terme è all’aperto ma fruibile anche nei periodi invernali.
 
A Sofia sono numerosi gli spazi dove non è raro trovare mercatini e bazar. La strada della città con specifica utilizzazione commerciale è Viale Vitosha. In Piazza Slaveikov vi è il mercato dei libri. Nei pressi della Cattedrale Alexander Nevski ci si può imbattere in pittori e illustratori oltre che nelle botteghe di artigianato locale.
 
Decisamente impedibili le “offerte gastronomiche”, sia in ristoranti di alto livello che in locali tipici - le cosiddette “Mehanas”, in stile taverna - dove gustare la genuina cucina bulgara, dalla diffusa carne suina alla classica grappa Rakìa.
 
Tarador
I piatti tipici
Tra i piatti principali della città la banista con spinaci, le pagnottelle rotonde con formaggio, i fagioli bianchi. I secondi piatti invece, sono ricchi di carne suina, accompagnati da vari contorni tra cui le melanzane ripiene e i peperoni farciti con uova e formaggio. Lo yogurt bulgaro è famoso ed prodotto con il latte di vacca, pecora o bufalo ed  utilizzato in molti piatti sia salati che dolci. Tipico è il tarador preparato con cetrioli, aglio, noci, aneto. Per quanto riguarda i dolci la banista al latte ha assunto un posto di rilievo e poi seguono le mele al forno con sciroppo di vaniglia.

Sofia è l’ideale base di partenza per innumerevoli gite ed escursioni sul vicino Monte Vitosha, tutelato dal primo parco naturale dell’intera penisola Balcanica, istituito nel lontano 1934. Il massiccio raggiunge i 2290 metri di quota, con interessanti stazioni sciistiche
 
Dove dormire a Sofia
 
Sofia è una città accogliente ed offre diverse possibilità di soggiorno in strutture dotate di ogni confort.

Per trovare l'hotel ideale e le migliori offerte si può fare una ricerca per stelle ma anche per quartieri o luoghi d'interesse.  

 

Testo di: Federica Fusco
Foto: Sisterscom.com 
Shutterstock
Video: www.bulgariatravel.org
Copyright © Sisterscom.com
Pubblicato su Avion Tourism N30; N64; N69;
 N4/2018-19.
 
 
 
Ente del Turismo
Dove andare
Monumenti
CATTEDRALE DI ALEXANDR NEVSKIJ
Aleksander Nevski Square
È la Cattedrale Ortodossa di Sofia, costruita in stile neo-Bizantino ed è una delle più grandi della città, nonché una delle principali attrazioni turistiche cittadine. È alta 45 metri col campanile che ospita 12 campane. Può ospitare più di 10.000 persone e l’interno è in stile italiano, decorato con alabastro e molti altri materiali pregiati. La costruzione della cattedrale è stata promossa nel 1879, ma solo nel 1898 si è giunti all’approvazione del progetto dell’architetto Pomerantsev di San Pietroburgo. Le opere di costruzione iniziarono alla fine del 1904 e furono completate nel 1913. A costruire e a dipingere la chiesa furono famosi scultori, pittori e artisti provenienti da tutta Europa. Una parte della cattedrale è riservata a un museo di icone provenienti da tutta la Bulgaria che fa parte della Galleria Nazionale. Quest’ultima è la prima in Europa per grandezza che conserva icone bulgare.
CHIESA DI BOYANA 
La Chiesa di Boyana risale all’XI sec. Nel XIII sec., vicino allla vecchia chiesa ne fu costruita un’altra che doveva servire anche da sepolcro per le famiglie dei nobili locali. Gli affreschi di quel periodo (1259) sono opera di un pittore ignoto della scuola di Tarnovo. Il loro valore artistico è strepitoso e sono considerati precursori del Rinascimento europeo. Di rilevanza le figure dei patroni della chiesa: il sebastocratore Kaloyan e sua moglie Desislava. Di fronte a loro sono raffigurati lo zar Costantino Asen Tich e la zarina Irina. La Chiesa di Boyana è inclusa nell’elenco del Patrimonio culturale mondiale dell’UNESCO.
 
 
CHIESA DI S. SOFIA
È stata eretta dall’imperatore Giustiniano (VI secolo) sul sito di chiese precedenti (IV-V secolo), delle quali sono ancora visibili i resti. La Chiesa di S. Sofia, che nel XIV secolo fu così importante da dare il nome alla città, è un raro esempio della transizione tra Occidente e Oriente, ancora facilmente riscontrabile nella sua struttura. Dietro l’abside della chiesa si trova la tomba dello scrittore Ivan Vazov (1850-1921) e sulla destra il Palazzo Sinodale. Nei dintorni ci sono anche i resti di una necropoli romana.
CHIESA RUSSA DI ST. NIKOLAY
La Chiesa Russa di San Nicolay si trova nel centro della città di Sofia ed è uno degli edifici più notevoli della città. Fu costruita nel periodo tra il 1907 e il 1914 su un progetto dell’architetto russo M. Preobrazhensky. Gli abitanti di Sofia si recano presso questa chiesa perché ritengono che il Santo possa dispensare miracoli: San Nikolay secondo la tradizione può guarire tutti i mali e far avverare tutti i desideri.
 
CHIESA DI SAN PETKA DEI SADDLERS
È una delle poche chiese medievali sopravissute a Sofia, citata per la prima volta nel XVI secolo ed i suoi affreschi risalgono a tre diverse epoche (XIV, XV, XVII e XIX). All’interno sono state rinvenute delle tombe, poiché la chiesa, dove oggi sono raccolti resti romani, fu usata come cripta.
ROTONDA DI ST. GEORGE
2, Knyaz Dondukov blvd
Il monumento architettonico più antico e meglio conservato a Sofia fin dall'epoca romana è la Rotonda di San Giorgio. Fu costruita all'inizio del IV secolo d.C. e fu utilizzata durante il regno dell'imperatore romano Costantino il Grande (che regnò tra il 306 e il 337) e il fiorire della città antica Serdika (il vecchio nome di Sofia).
www.svgeorgi-rotonda.com
 
Musei
MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE
Il Museo Archeologico Nazionale di Sofia è il più grande museo archeologico in Bulgaria e uno dei più ricchi dei Balcani. Espone i manufatti di tesori dei Traci: Vulchitrun Lukovit e Nikolayev. È stato fondato nel 1892 e comprende tre collezioni: Starovekovna, Numismatica ed Etnografica. 
GALLERIA NAZIONALE - KVADRAT 500
Square 500 è una nuova galleria nazionale di Sofia. Il complesso della galleria si trova vicino al monumento dedicato a Vassil Levski e dietro la Cattedrale di S. Aleksandăr Nevsky. Ha una collezione di oltre 42.000 opere d’arte della National Art Gallery e della National Gallery for Foreign Art. La galleria presenta circa 2.000 opere d’arte, di artisti bulgari e provenienti da Europa, Asia, Africa e America.
 
 
MUSEO NAZIONALE DI STORIA MILITARE
92 Cherkovna Str.
Il Museo Nazionale di Storia Militare di Sofia studia, conserva e diffonde i valori culturali legati alla storia militare nazionale ed europea. Nei suoi quasi 100 anni di esistenza, il museo ha raccolto circa un milione di oggetti legati alla storia militare bulgara ed europea. Dispone di 5.000 mq al coperto e di 40.000 mq di superficie espositiva scoperta e una biblioteca.
www.militarymuseum.bg
MUSEO STORICO NAZIONALE
Il Museo Storico Nazionale di Sofia si trova nel Block 1 del palazzo della Residenza governativa sita nel quartiere Boyana. E’ uno dei più ricchi e interessanti musei nella Penisola Balcanica. Custodisce testimonianze dalla preistoria ad oggi che fanno parte del patrimonio storico e culturale bulgaro. Tra le collezioni più celebri c’è il tesoro aureo di Panagiuriste del IV sec. a.C., attribuibile allo zar tracio Sevt.
 
Esursioni
MONTAGNA DI VITOSHA 
Sofia è sita ai piedi di una montagna la cui vetta più alta supera i 2000 metri (Cherni vrah, 2286 m). Dalla vetta si può ammirare un panorama di quattro montagne: i Monti Balcani, Sredna Gora, Rila e Rodopi. Nel 1934 la zona di alta Montagna di Vitosha è stata dichiarata Parco Naturale. Vanta oltre 1400 specie vegetali spontanee. Il Parco comprende inoltre due Riserve naturali: Bistrishko Branishte e Torfeno Branishte. Qui si trova la grotta più lunga della Bulgaria (Duhlata di 13,2 km) popolata da oltre 20 specie di animali ipogei. Vitosha offre diverse opportunità di vacanza e sport grazie alle sue piste da sci, i rifugi e i complessi turistici.
MONASTERO DI RILA
Da Sofia si può fare un tour per ammirare il Monastero di RilaPatrimonio dell'UNESCO della Bulgaria, con panorami sui Monti del Rila circostanti. Il Monastero di Rila custodisce il chiostro ortodosso più grande della Bulgaria e sono da ammira le balconate ad archi, gli affreschi del periodo rinascimentale bulgaro e le iconostasi dorate. Nei ristoranti della zona si possono gustare cibi biologici, come mekitsi (un piatto tradizionale bulgaro costituito da frittelle fatte con impasto allo yogurt), yogurt o trota grigliata.
 
Destinazioni che puoi trovare nelle vicinanze
Aeroporti nelle vicinanze di Sofia
Avion Tourism Magazine
Scarica Avion Tourism Magazine
in versione digitale
Su questo numero ti proponiamo Tel AvivBuenos Aires, Kharkiv, Stoccarda e LondraScopri le destinazioni direttamente sul sito internet oppure scarica gratuitamente il pdf della rivista.
Fatti ispirare
Iscriviti alla newsletter e scopri consigli utili per il tuo prossimo viaggio
Iscriviti ora!