Scopri

Trieste

La città del vento dall'atmosfera poetica e viva
Adagiata ai piedi del Carso, distesa lungo il bell’arco del golfo sull’Adriatico, Trieste colpisce il visitatore per la sua atmosfera poetica e viva, con una grande varietà di stili lasciatale dalle tante popolazioni che qui hanno vissuto.
 
 
La città appartenne per alcuni secoli all’Impero Asburgico, un Impero che le ha lasciato un segno tuttora visibile negli edifici, nella cultura, nell’atmosfera, perfino nella cucina.
 
Il Porto
Il Porto
Città opulenta nel Settecento per gli intensi traffici marittimi, grazie anche allo ‘status’ di porto franco concesso nello stesso secolo da Carlo IV d’Asburgo, Trieste è rinomata ancora oggi per l’attrezzatissimo Porto capace di ospitare yatch di grandi dimensioni e navi da crociera.
 
Cattedrale di San Giusto
Cattedrale di San Giusto
Il suo monumento più insigne e significativo è la bella Chiesa Romanica di San Giusto, cattedrale della città. La chiesa cattolica sorge sul colle omonimo, un tempo sede dell’antica Tergeste romana, dove fu costruita una basilica paleocristiana sui resti di un tempio dedicato agli dei pagani. All’inizio del primo millennio la basilica fu sostituita da due edifici: la cattedrale dedicata alla Vergine Assunta e il Sacello di San Giusto, trasformati a loro volta in unico tempio di culto, la Cattedrale di San Giusto, con stupendi affreschi che rappresentano la vita e la passione del Santo.
 
 
Le Chiese e il quartiere ebraico
Tuttavia anche nei luoghi di culto delle più diverse religioni si respira un tipico cosmopolitismo: la Chiesa greco orientale di San Niccolò, la Chiesa serbo-ortodossa di San Spiridione, la Chiesa Evangelica-metodista, la sinagoga tempio israelitico, nata per merito dell’Editto di tolleranza emanato a metà del 700 da Maria Teresa d’Austria. Il quartiere ebraico è significativo: infatti la comunità ebraica, presente a Trieste fin dal XIV secolo, ma relegata nel ghetto alla fine del Seicento, poté liberamente inserirsi nelle attività commerciali e sociali grazie all’editto dell’imperatrice. Oggi l’antico ghetto è un suggestivo quartiere in cui rimangono nomi simbolici, come via del Pane, via delle Beccherie, via delle Ombrelle, e dove si trovano molti negozi di rigattieri.
 
Piazza Unità d’Italia
Piazza Unità d’Italia
E' il cuore pulsante della città, dalla suggestiva atmosfera romantica e decadente rimasta intatta da decenni, che riporta all'epoca degli eleganti caffè frequentati da un’elite intellettuale cittadina, come Italo Svevo, Umberto Saba, e perfino James Joyce; caffè storici rimasti rigorosamente intatti, come il Tommaseo, il Tergesteo, il Caffè degli Specchi, dotati ancora delle stecche di legno per leggere i giornali. L’impronta ottocentesca si trova anche in altri locali storici, come la Vecchia pasticceria Pirona, la pasticceria la Bomboniera, la Libreria Antiquaria, di cui era proprietario Umberto Saba.
 
Palazzi e castelli
Castello di Miramare
Palazzi e castelli sono anch’essi testimoni dell’opulenza dell’aristocrazia triestina del Settecento, e dell’alta borghesia ottocentesca: Palazzo Rivoltella, Palazzo Morpurgo, Villa Sartorio. Ma tra tutti da visitare il sontuoso Castello di Miramare, affacciato sul Golfo di Trieste, voluto dall’arciduca Massimiliano d’Asburgo per viverci con l’amatissima moglie Carlotta del Belgio: il monumento costituisce la principale attrazione della città, ed è uno dei più visitati d’Italia, non solo per la sua bellezza architettonica e il vasto parco ricco di rari esemplari di piante, ma anche per la romantica infelice storia del suo antico proprietario, fucilato in Messico.
 
Dalla costa alle montagne del Carso è tutta una varietà di paesaggi, alcuni unici, come le bianche rocce calcaree che celano un mondo sotterraneo ricco di grotte, tra cui celebre la Grotta Gigante che per la sua ampiezza potrebbe contenere la Basilica di San Pietro di Roma.
 
 
Sacher tutta di cioccolato
Le specialità gastronomiche
La gastronomia risente della varietà dei popoli che hanno abitato Trieste e della sua particolare posizione, tra monti e mare: piatti di pesce affiancano saporiti e speziati piatti di carne, tra cui quella di maiale, di prosciutto cotto o in crosta e salsicce con crauti.
Ma sono soprattutto i dolci a tentare dalle numerose vetrine di caffè e pasticcerie, dolci per lo più di derivazione austriaca, come la putizza, una ciambella ripiena di cioccolato e noci, il presnitz (pasta sfoglia con ripieno di noci, uva passa e pinoli) e la deliziosa Sacher, tutta di cioccolato, oltre alle cotognate, al marzapane e al torrone rosa
 
Dove dormire a Trieste
 
Trieste è una città accogliente ed offre diverse possibilità di soggiorno in strutture dotate di ogni confort.

Per trovare l'hotel ideale e le migliori offerte si può fare una ricerca per stelle ma anche per quartieri o luoghi d'interesse.  

 
STELLE
Hotel per stelle, suddivisi per la tipologia dei servizi offerti:
 

Testo di Anna Glik
Foto: Sisterscom.com, Shutterstock
Video:www.turismofvg.it
Copyright © Sisterscom.com
Pubblicato giugno 2018
 
 
 
Ente del Turismo
www.retecivica.trieste.it
www.turismofvg.it
dove andare
Monumenti e Musei

CATTEDRALE DI SAN GIUSTO
Piazza della Cattedrale, 2
La Cattedrale di San Giusto, posizionata sul colle dell’antica Tergeste romana, è il principale edificio religioso della città. La facciata di San Giusto è a capanna, impreziosita da un elegante rosone Gotico costruito con pietra carsica. Il massiccio campanile è un torrione difensivo del XIV secolo. All’interno, nella navata di destra, si può ammirare il maestoso mosaico dell’abside del sacello di San Giusto, risalente agli inizi del 1200, dove l’immagine di Cristo domina su uno sfondo di colore d’oro. La Cattedrale custodisce anche la Cappella del Tesoro.
www.sangiustomartire.it
PIAZZA UNITÀ E MOLO AUDACE
Piazza Unità fu chiamata in origine piazza San Pietro poi piazza Grande e, solo dopo il 1918, piazza Unità, quando la città fu annessa al Regno d’Italia. La piazza è pavimentata in lastre di arenaria di recente posa, spesse 8 cm. Il Molo Audace, chiamato in origine San Carlo, non è bordato da pietra calcarea, come le rive, ma ha soltanto masegni. Dal molo si può osservare una veduta panoramica della città di Trieste e dei dintorni.
 
 
CASTELLO DI MIRAMARE
Parco di Miramare - Viale Miramare
Il Castello di Miramare, voluto dall’arciduca Ferdinando Massimiliano d’Asburgo intorno alla metà dall’Ottocento, è una lussuosa dimora nobiliare conservata nel tempo con i suoi originari arredi. Il Castello è circondato da un rigoglioso parco di ventidue ettari di superficie ricco di specie botaniche e gode di una posizione panoramica incantevole, a picco sul mare, sulla punta del promontorio roccioso di Grignano.
www.castello-miramare.it
MUSEO REVOLTELLA GALLERIA D’ARTE MODERNA
Via Diaz, 27
Il Museo Revoltella è una galleria d’arte moderna situata nel centro di Trieste a poca distanza dalla riva del mare. La Galleria fu fondata nel 1872 per volontà del barone Pasquale Revoltella (1795-1869), una delle figure più rappresentative della società triestina dell'Ottocento, che decise di lasciare alla città, oltre a molti altri beni, la sua casa e tutte le opere d'arte, gli arredi e i libri.
www.museorevoltella.it
 
MUSEO CIVICO DI STORIA E ARTE
Piazza della Cattedrale, 1
Il museo ottocentesco di Storia e Arte di Trieste raccoglie le lapidi e i reperti della storia locale, dalla preistoria all’epoca tardo antica. La collezione del Museo si è creata intorno al monumento di J.J. Winckelmann, ritenuto il padre dell’archeologia, morto assassinato a Trieste nel 1768. Il museo espone inoltre collezioni provenienti dall’Egitto, da Cipro, dalla Grecia e Magna Grecia, dall’Etruria e inoltre alcune ceramiche Maya provenienti da El Salvador.
www.museostoriaeartetrieste.it
MUSEO CIVICO SARTORIO
Largo Papa Giovanni XXIII, 1
Il Museo Civico Sartorio, è ospitato in un’elegante villa borghese dell’Ottocento situata a breve distanza dal mare e circondata da un grande giardino. Nel 1947 divenne una “casa museo”, grazie al lascito testamentario di Anna Segrè Sartorio. Al suo interno si scoprono negli arredi, nelle opere d’arte e negli oggetti di uso quotidiano gli stili Impero e Biedermeier, sino al revival storico, neorococò e neogotico.
www.museosartoriotrieste.it
 
Escursioni
AQULEIA
Aquileia, a pochi chilometri di distanza da Trieste, è uno dei più prestigiosi centri archeologici dell’Italia Settentrionale. La cittadina fu fondata dai Romani come colonia militare nel 181 a.C. e il segno più interessante del passato della città è la Basilica patriarcale di Santa Maria Assunta. Da visitare il Foro del II sec. d.C, un tempo la piazza principale della città, e al Sepolcreto, l’unico esempio di cimitero romano rinvenuto in città.
www.comune.aquileia.ud.it
LUBIANA E L'ISOLA DI BLED
Da Trieste si raggiunge la capitale della Slovenia, Lubiana, per scoprire la sua storia ed esplorare l'architettura antica e moderna del centro storico medioevale. Da vedere, la Cattedrale, la Fontana del Robba in stile Barocco, gli edifici di Piazza Preseren, i monumenti dell'architetto Jože Plečnik, i ponti, le piazze e i parchi. Poi si raggiunge l'Isola di Bled per ammirare la Chiesa gotica dedicata all'Assunzione di Maria e il Castello di Bled, costruito su un precipizio sul lago.
 
Aeroporti nelle vicinanze di Trieste
Avion Tourism Magazine
Scarica Avion Tourism Magazine
in versione digitale
Su questo numero ti proponiamo Tel AvivBuenos Aires, Kharkiv, Stoccarda e LondraScopri le destinazioni direttamente sul sito internet oppure scarica gratuitamente il pdf della rivista.
Fatti ispirare
Iscriviti alla newsletter e scopri consigli utili per il tuo prossimo viaggio
Iscriviti ora!