Scopri

Cuneo

La capitale verde del Piemonte
La città piemontese di Cuneo deve il nome alla sua singolare posizione geografica: posta infatti su un altopiano a triangolo, si presenta come una sorta di punta o cuneo conficcato nel cuore della pianura pedemontana, alla confluenza del torrente Gesso con il fiume Stura; sullo sfondo, l’imponente Monte BisaltaUn po’ fuori dai percorsi turistici più scontati, in una posizione strategica allo sbocco di sei valli comunicanti con Liguria e Francia, la città piemontese riserva tuttavia al visitatore straordinarie sorprese, non solo dal punto di vista panoramico, ma anche per le sue testimonianze storiche, antiche e più recenti.
 
I portici
I portici
Fondata nel 1198 come libero Comune, la città di Cuneo presenta a prima vista un’atmosfera da salotto, con i suoi eleganti portici che si snodano per una lunghezza di ben otto chilometri e che sembrano preposti a una rilassata accoglienza e ospitalità, oltre ad essere sede di un centro commerciale all’aria aperta. Infatti ogni martedì il centro storico si anima di un tradizionale mercato, ricco di centinaia di bancarelle fornite di ogni genere di prodotti, da quelli enogastronomici a quelli di abbigliamento e perfino di antiquariato.
 
 
Le sue vicende storiche sono state spesso travagliate: se nel ‘300 da libero comune passa sotto il dominio dei Savoia, nei due secoli successivi la città di Cuneo è impegnata a difendersi da ben sette assedi, di cui quattro contro i vicini francesi, assedi che furono causa di un suo rallentato sviluppo commerciale e della distruzione di diversi monumenti antichi.
 
Gli edifici storici e le Chiese
Chiese di Santa Chiara e Santa Croce
Sulle strade principali si affacciano i portali degli imponenti edifici religiosi, oltre a quelli istituzionali come il Palazzo del Municipio, ex convento dei Gesuiti del XVII secolo e le dimore della nobiltà, mentre le strade secondarie sono arricchite da tesori come le Chiese di Santa Chiara e Santa Croce, quest’ultima magnifico esempio di architettura Barocca piemontese disegnata dall’architetto Francesco Gallo.
 
Vi è anche una Chiesa dedicata a Sant’Ambrogio, patrono di Milano, in ricordo dell’aiuto dato dai milanesi alla città per la sua ricostruzione dopo che fu distrutta dal marchese di Saluzzo; del resto i cuneesi avevano accolto e protetto qualche decennio prima i transfughi milanesi perseguitati dall’imperatore Federico Barbarossa. La chiesa è considerata il più bell’edificio architettonico della città.
 
Non lontano dalle chiese di culto cattolico si trova anche la bella Sinagoga dell’ex-ghetto ebraico in Contrada Mondovì: tutti tesori che, assieme al Teatro Toselli e ai palazzi medievali di Piazza Virginio costituiscono il complesso monumentale più significativo della città.
 
Piazza Galimberti
Piazza Galimberti
Ma la piazza più cara ai cuneesi è Piazza Galimberti, dedicata a uno dei suoi figli più valorosi, eroe della Resistenza per cui la stessa città di Cuneo si meritò una medaglia d’oro al valor militare: il partigiano Tancredi detto Duccio Galimberti infatti fu catturato e crudelmente torturato e infine ucciso per la sua lotta contro i tedeschi e il fascismo. Interessante e di alto valore storico anche la Casa Museo della famiglia Tancredi.
 
 
Cuneo è considerata anche la Capitale verde del Piemonte, per i suoi numerosi Parchi e giardini che si distendono alle radici delle antiche mura, mura che furono abbattute in Epoca Napoleonica, creando maggiore spazio al suo assetto urbanistico.
 
La città è famosa anche per le numerose iniziative di carattere sociale, gastronomico e culturale che ospita nel corso dell’anno: tra le principali la Fiera Nazionale del Marrone, prodotto caratteristico della zona, che si svolge a ottobre, e Scrittorincittà, in novembre, una kermesse molto seguita e animata da centinaia di partecipanti provenienti da tutta Italia, che dal 1999, anno dell’inaugurazione, si confrontano sul filo conduttore dell’edizione. Temi come ‘letteratura tra nord e sud’, ‘il viaggio’, ‘il sogno’, ‘Passioni’, sono stati alcuni degli argomenti trattati dall’inizio di questa importante manifestazione.
 
 
 
I prodotti enogastronomici piemontesi
I prodotti di qualità di questa regione sono numerosi e d'eccellenza come:
  • il Tartufo Bianco d’Alba (candidato nel 2017 a Patrimonio Immateriale UNESCO);
  • la Nocciola IGP;
  • i rinomati formaggi artigianali (tra cui: Bra, Catelmagno; Toma Piemontese, Robiola, Raschera);
  • preziose varietà di riso delle risaie di Vercelli, Novara e Biella;
  • 42 vini DOC e 17 vini  DOCG (tra cui Barbera d' Asti e del Moferrato, Barbaresco, Barolo). 
 
 
 
 
Dove dormire a Cuneo

Cuneo offre diverse possibilità di soggiorno. Per trovare l'hotel ideale si può fare una ricerca per stelle o scegliere la zona del centro o quella vicino all'aeroporto

 

Stelle
Hotel per stelle, suddivisi per la tipologia dei servizi offerti:
Hotel nel centro storico
Hotel vicino all'aeroporto
 
 
 

Testo di Anna Glik
Foto: Sisterscom.com Shutterstock
Copyright © Sisterscom.com

Video: www.comune.cuneo.gov.it
Pubblicato giugno 2018
 
 
 
Ente del Turismo
www.comune.cuneo.gov.it
www.visitpiemonte.com
DOVE ANDARE
Monumenti
TORRE CIVICA
La torre civica, a base quadrata, si erge nel centro storico dominando la città di Cuneo. La torre fu eretta nel 1317 in seguito alla pace per la conclusione delle lotte tra la vicina Mondovì e Cuneo, due città definite gemelle poichè fondate entrambe nel 1198. Dalla cella campanaria, dall'alto della Torre, si gode un meraviglioso panorama che dai tetti e dalle piazze della città si apre sui dolci rilievi delle Langhe per rincorrere le montagne fino alla vetta del Monte Rosa.
 
MUNICIPIO
La sede del Municipio di Cuneo si trova in un ex convento dei Gesuiti risalente al XVII secolo. Lungo le pareti dello “scalone d’onore” vi sono diverse lapidi tra cui quella del 1952 con le parole di Piero Calamandrei incentrate sul valore perenne della Resistenza. Al termine dello scalone si apre, sulla sinistra, il salone d’onore del Municipio dove spicca il dipinto che ritrae il Re Vittorio Emanuele II durante la battaglia di Santa Lucia del 1859.
CATTEDRALE SANTA MARIA DEL BOSCO
Via Roma, 62
Già prima della fondazione della città esisteva una chiesetta che, nel corso dei secoli, fu più volte restaurata e riedificata. L'attuale Cattedrale, intitolata a Santa Maria del Bosco, nasce dalla ricostruzione avvenuta tra il 1657 e il 1660. L'imponente facciata con quattro colonne Corinzie fu eseguita successivamente nel 1865. Al suo interno, la Cattedrale ospita il Tesoro della Diocesi e molte opere d’arte esposte in alcune cappelle.
 
PIAZZA DUCCIO GALIMBERTI
La Piazza Duccio Galimberti è il salotto della città di Cuneo. Con una superficie di quasi 24.000 metri quadrati ogni martedì si trasforma grazie al rinomato mercato che attira persone non solo da tutto il territorio circostante, ma anche dalla Liguria e dalla vicina Francia. La Piazza è circondata da dieci palazzi porticati, collegati da terrazzi. Il 21 maggio 1945 fu intitolata all’Eroe Nazionale della Resistenza Italiana, Tancredi (Duccio) Galimberti, nato a Cuneo nel 1906 e ucciso dai fascisti il 3 dicembre 1944.
Musei
MUSEO CIVICO E COMPLESSO MONUMENTALE DI SAN FRANCESCO
Via Santa Maria, 10
Il Museo Civico si trova nel complesso monumentale di San Francesco, comprendente l’ex convento e l’annessa Chiesa. L'edificio è stato classificato come monumento nazionale e rara testimonianza architettonica di epoca Medievale della città. Al suo interno si snodano diversi percorsi di visita, dalle più antiche testimonianze della preistoria a quelle dell'età moderna, che raccontano la storia del territorio.
 
MUSEO CASA GALIMBERTI
Piazza Galimberti, 6
Il Museo Casa Galimberti si trova al secondo piano di Palazzo Osasco, ovvero dove si trovavano la casa privata e lo studio di Tancredi Galimberti senior prima e, più tardi, di Tancredi Galimberti junior ("Duccio", eroe della Resistenza). Offre un viaggio nella storia, a cavallo tra Ottocento e Novecento, della famiglia Galimberti che intrecciò le proprie vicende con quelle cittadine e nazionali.
MUSEO DIOCESANO
Contrada Mondovì
Il Museo Diocesano si trova nel centro storico della città di Cuneo. L’allestimento delle mostre interne è incentrato su opere di pertinenza del complesso di San Sebastiano attraverso le devozioni dell’antica Confraternita, ed offre momenti di spiritualità, storia e società. Il percorso è caratterizzato da pannelli informativi, didascalie approfondite e filmati
Escursioni
PARCO e VIALE DEGLI ANGELI
Corso Dante
In fondo a corso Dante, si trova un grande parco con l’imponente monumento in bronzo dedicato alla Resistenza Italiana, opera dello scultore Umberto Mastroianni, inaugurato il 7 settembre 1969. A destra e a sinistra del parco, si snoda il viale degli Angeli. Il viale, voluto nel 1720 dal Consiglio Comunale per collegare la città con la Chiesa e il Convento Francescano della Madonna degli Angeli, è lungo tre chilometri e rappresenta il luogo del relax cuneese.
RACCONIGI
A Racconigi, terra dei Savoia, nelle vicinanze di Cuneo, si trova il Castello dei Savoia un gioiello di arte Barocca. Il Castello, proprietà dei Savoia dal 1418 fungeva come luogo di svago per il principe e da centro di controllo sul territorio circostante. La visita del castello si svolge al primo piano nobile, al secondo piano residenziale, alla cappella reale e alle cucine; la residenza inoltre si affaccia su uno splendido parco di 170 ettari ed è visitabile nella bella stagione durante i giorni festivi.
Aeroporti nelle vicinanze di Cuneo
Avion Tourism Magazine
Scarica Avion Tourism Magazine
in versione digitale
Su questo numero ti proponiamo Tel AvivBuenos Aires, Kharkiv, Stoccarda e LondraScopri le destinazioni direttamente sul sito internet oppure scarica gratuitamente il pdf della rivista.
Fatti ispirare
Iscriviti alla newsletter e scopri consigli utili per il tuo prossimo viaggio
Iscriviti ora!