07 novembre 2020

Nuova Audi e-tron GT a zero emissioni e Lucas di Grassi: tecnologia da Formula E

Il pilota dei quattro anelli Lucas di Grassi, in pista con la nuova Granturismo elettrica Audi, a confronto con gli sviluppatori
Una giornata di fine estate a Neuburg an der Donau. Davanti all’edificio che ospita il Competence Center Audi Motorsport spicca un’Audi RS e-tron GT prototipo, circondata da quattro uomini. Lucas di Grassi, pilota ufficiale Audi in Formula E e vincitore assoluto della serie nel 2016/17, discute con tre sviluppatori della nuova Granturismo elettrica dei quattro anelli: Dennis Schmitz, Direttore Tecnico del progetto Audi e-tron GT, Jaan-Mattes Reiling, coordinatore di Audi Sport GmbH, e Christian Schröder, Ingegnere del partner di sviluppo PSW automotive engineering GmbH.
 
Audi RS e-tron GT
Audi RS e-tron GT prototype. Foto: Copyright © Audi / Volkswagen Group Italia SpA.
 
Lucas di Grassi è un professionista, sia in pista sia lontano dai circuiti. Nato in Brasile, vive a Monaco ed è un pilota ufficiale Audi dal 2012. Nel 2014 ha vinto la gara inaugurale dell’allora neonata Formula E e tre anni dopo si è aggiudicato il titoloassoluto con il team Audi Sport ABT Schaeffler. Negli ultimi sei anni, di Grassi è salito sul podio 32 volte al volante delle monoposto elettriche Audi, diventando il pilota più vincente in Formula E. Lucas di Grassi non è concentrato solamente sul Motorsport. Per lui, innovazione tecnologica e sostenibilità sono profondamente legate, tanto da essere ambasciatore delle Nazioni Unite per la qualità dell’aria. Inevitabile, pertanto, che Lucas sia profondamente attratto dal prossimo modello Audi a zero emissioni: Audi e-tron GT.

A Neuburg, Competence Center Audi Motorsport, di Grassi ha portato in pista la versione prototipale della Granturismo elettrica dei quattro anelli nella variante RS. Per gli sviluppatori Schmitz, Reiling e Schröder è stata l’ora dellaverità.
 
Audi RS e-tron GT
Audi RS e-tron GT prototype. Foto: Copyright © Audi / Volkswagen Group Italia SpA.
 
Schmitz: “Lucas, quali sono le tue impressioni dopo i primi giri?”
di Grassi: “Guidare Audi RS e-tron GT è tremendamente divertente! Una Granturismo sopraffina, ovviamente diversa tecnicamente da una vettura da corsa, ma con forti connessioni con il mondo della Formula E. A partire dalla straordinaria accelerazione, disponibile più e più volte senza flessioni. Proprio la ripetibilità dello scatto da 0 a 100 km/h in meno di quattro secondi, anche dopo alcuni giri al limite, mi ha stupito”.
 
Schröder: “Per abbinare potenza e riproducibilità delle prestazioni è necessaria un’accurata gestione termica. Nel caso di Audi e-tron GT abbiamo due circuiti di raffreddamento separati che agiscono con diversi livelli di temperatura sui componenti del powertrain. Il primo circuito, a temperatura più bassa, è dedicato alla batteria ad alta tensione, il secondo ai motori elettrici e alle elettroniche di potenza. Due ulteriori circuiti, di minore portata, si occupano della gestione termica dell’abitacolo”.
 
Schmitz: “Per garantire la massima efficienza possiamo collegare tra loro i quattro circuiti mediante valvole, così da rispondere alle necessità del momento. La pompa di calore sfrutta la temperatura dei componenti elettrici per climatizzare l’abitacolo, riducendo il fabbisogno d’energia. Il lavoro più gravoso, in ogni caso, consiste nel raffreddare i componenti ad alta tensione quando si richiedono le massime prestazioni e nel tenere sotto controllo la temperatura della batteria durante la ricarica rapida in corrente continua (DC), che nel caso di Audi e-tron GT può avvenire a 270 kW”.
 
di Grassi: “In Formula E raffreddiamo la batteria durante la ricarica con del ghiaccio secco, così che raggiunga una temperatura inferiore a quella atmosferica garantendo massime performance durante le fasi di gara che, a causa del continuo alternarsi di violente accelerazioni e interventi del sistema di recupero, provocano un marcato surriscaldamento e un’inesorabile dissipazione d’energia. Uno dei fattori determinanti durante gli e-prix consiste nel saper dosare performance ed efficienza, guida aggressiva e atteggiamenti conservativi, così da non trovarsi in debito di spinta nelle fasi finali”.
 
Reiling: “La logica predittiva è cruciale anche per Audi e-tron GT, sebbene su di un piano differente. Il pianificatore degli itinerari e-tron trip planner consente di verificare istantaneamente, sia mediante l’app sia attraverso l’MMI, quante ricariche siano necessarie per raggiungere una determinata destinazione, aggiornando costantementela situazione sulla base del traffico e dello stile di guida. Circa 30 minuti prima di raggiungere la colonnina selezionata, il sistema di gestione termica di Audi e-tron GT inizia a climatizzare la batteria in funzione della quantità d’energia residua, della potenza della stazione di ricarica e del ‘rifornimento’ necessario per raggiungere la destinazione successiva. Una soluzione ingegnosa per garantire al conducente di ricaricare sempre alla massima potenza disponibile”.
 
Audi RS e-tron GT
Audi RS e-tron GT prototype. Foto: Copyright © Audi / Volkswagen Group Italia SpA.
 
Audi e-tron GT ha beneficiato di uno sviluppo eccezionalmente rapido, frutto del design “congelato” sin dalle prime fasi, complici il fascino delle linee e la sostituzione dei modelli fisici con quelli virtuali, e del processo decisionale estremamente snello. Sotto la stretta direzione di Audi, il partner PSW automotive engineering GmbH ha svolto parte del lavoro di affinamento della vettura, mentre Audi Sport GmbH ha avuto la responsabilità di deliberare l’assetto, ricevendo i complimenti di Lucas di Grassi.
 
di Grassi: “Sono entusiasta della reattività dell’auto. Nello sviluppo di una Granturismo il comfort non può essere trascurato, ma per me, da pilota, questo fattore non è così determinante. A maggior ragione sono stato conquistato dalla trazione e dalla precisione in curva di Audi RS e-tron GT”.
 
Reiling: “Durante lo sviluppo abbiamo mirato a una calibrata interazione tra i punti di forza dell’auto. E abbiamo attinto allo stato dell’arte della tecnica. Le molle pneumatiche a tripla camera, ad esempio, garantiscono sia il comfort sia ampie possibilità di variare la taratura dell’assetto e l’altezza da terra della vettura. In aggiunta, lavorano in perfetto accordo con gli ammortizzatori regolabili. Entrambi i sistemi sono gestiti dalla piattaforma elettronica dedicata e adattano le risposte in funzione dei diversi programmi selezionabili mediante il controllo della dinamica di marcia Audi drive select”.
 
Schmitz: Audi e-tron GT è la summa di tutte le tecnologie avanguardistiche attualmente disponibili. Tra queste spicca lo sterzo integrale – per la prima volta dedicato a un modello della gamma e-tron – grazie al quale, a bassa velocità, le ruote posteriori sterzano in controfase, favorendo la maneggevolezza e riducendo il raggio di sterzata, mentre al crescere dell’andatura sterzano in fase, a vantaggio della stabilità”.
 
di Grassi: “Tra gli aspetti che mi hanno colpito maggiormente brilla senza dubbio la frenata di Audi RS e-tron GT: potente, modulabile, immune da affaticamenti. Immagino sia stato tutt’altro che facile sviluppare un impianto così preciso e al tempo stesso tanto tenace…”.
 
Schröder: “Tu hai guidato la versione RS con i freni carboceramici, disponibili a richiesta. Di serie, Audi e-tron GT adotta i dischi in acciaio, mentre la variante RS è equipaggiata coni dischi rivestiti in carburo di tungsteno. Una finitura che garantisce un’eccezionale costanza nelle prestazioni. E dato che non esiste protagonista senza palcoscenico, abbiamo dedicato alla nuova Granturismo i cerchi in lega dal design più affascinante che Audi abbia mai prodotto, specie nel dimensionamento da 21 pollici. Le ruote da 20 pollici sono le più efficaci a livello aerodinamico, mentre i cerchi da 19 pollici brillano per leggerezza. Le ruote montate sull’assale anteriore pesano solamente 12,5 kg l’una”.
 
Audi RS e-tron GT
Audi RS e-tron GT prototype. Foto: Copyright © Audi / Volkswagen Group Italia SpA.
 
Il consumo energetico è un tema particolarmente caro a Lucas di Grassi. Non solo nell’ambito dell’attività come pilota di Formula E, ma anche come sostenitore della salvaguardia del clima attraverso l’innovazione. Una filosofia che il driver brasiliano condivide con Audi AG: la trazione elettrica è la strada che conduce alla mobilità sostenibile del futuro, specie se l’energia proviene da fonti rinnovabili. Alle Nazioni Unite, di Grassi è ambasciatore per la qualità dell’aria e in Brasile gestisce alcune attività imprenditoriali nel settore delle nuove tecnologie. A San Paolo, sua città natale, ha dato vita al Congresso Tecnologico “Zero Summit”.
 
di Grassi: “Ho contribuito alla creazione del circus di Formula E perché sin dagli albori mi è stato chiaro come le auto elettriche sarebbero state il futuro, sia su strada sia in pista”.
 
Reiling: “Con Lucas condividiamo, ormai da diversi anni, una storia di successo. Nel 2017 siamo stati il primo costruttore tedesco a entrare in Formula E con un impegno ufficiale, per dimostrare quanto la trazione elettrica possa essere dinamica, affascinante e coinvolgente”. 
 
Schmitz: “Le competizioni automobilistiche contribuiscono allo sviluppo dei veicoli di serie e pertanto al cambiamento della mobilità. Un ambito nel quale siamo in prima linea. Entro il 2025, la gamma Audi potrà contare su 30 modelli a elevata elettrificazione, dei quali 20 a zero emissioni. La sostenibilità, anche in ambito energetico, è la nostra aspirazione e al tempo stesso una necessità per continuare ad avere successo”.
 
Schröder: “Lucas, tu viaggi spesso per il mondo e conosci i problemi ambientali dei diversi Continenti. Nel 2019 sei stato a Nuova Delhi quale ambasciatore delle Nazioni Unite e hai girato il documentario ‘The Race for Clean Air’. Di cosa si trattava?”.  
 
di Grassi: “Volevo ispirare un pensiero positivo. Nuova Delhi è una delle metropoli con il più alto tasso d’inquinamento atmosferico. Se in quella città si riescono a trovare soluzioni per salvaguardare l’ambiente, significa che è possibile farlo ovunque. Sono fermamente convinto che la sostenibilità debba basarsi sulla tecnologia e sull’innovazione. Le soluzioni green possono imporsi con efficacia duratura soltanto se non costituiscono un compromesso, bensì emergono come la migliore via per affrontare qualsiasi sfida”.
 
Audi RS e-tron GT
Audi RS e-tron GT prototype. Foto: Copyright © Audi / Volkswagen Group Italia SpA.
 
Oggi il gruppo Audi con i suoi marchi Audi, Ducati e Lamborghini è uno dei produttori premium di maggior successo nel settore automobilistico e motociclistico ed è presente in più di 100 mercati mondiali gestendo 16 impianti produttivi in 12 Paesi. Tra le società controllate al 100% da AUDI AG figurano Audi Sport GmbH (Neckarsulm, Germania), Automobili Lamborghini S.p.A. (Sant’Agata Bolognese) e Ducati Motor Holding S.p.A. (Bologna).
 
A cura di Lisa Maria River
Fonte testo: Ufficio Stampa Audi Italia
Foto: Copyright © Audi / Volkswagen Group Italia SpA
Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione.
Copyright © Sisterscom.com
 

Voli in jet privato
Ti potrebbe interessare
Contenuti sponsorizzati
AVION LUXURY MAGAZINE
AVION LUXURY MAGAZINE
in versione digitale
JETS Volare è un lusso possibile. HOTELS Eccellenza nel cuore delle Bahamas. CARS L'altissima gamma automobilistica. YACHTS Yacht d'eccellenza. WATCHES Quando l'arte interpreta la tecnica. HAUTE COUTURE Autunno-Inverno 2019/2020.
I testi sono coperti da copyright e non possono essere copiati.
Se vuoi puoi condividere questa pagina.
Fatti ispirare
Iscriviti alla newsletter e scopri consigli utili per il tuo prossimo viaggio
Iscriviti ora!