05 giugno 2020

Programma pilota dell'EASA sul protocollo europeo di sicurezza

Monitoraggio delle pratiche adottate per la sicurezza dei viaggi aerei da aeroporti e compagnie aeree
Le prime compagnie aeree hanno aderito alla carta dell'Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza aerea (EASA) per il ritorno alle normali operazioni ai sensi del COVID-19, impegnandosi a collaborare con le loro autorità nazionali per mettere in atto misure a sostegno sicurezza sanitaria - e riferire sulle loro esperienze per aiutare altre organizzazioni con le loro implementazioni nella vita reale.
 
Dieci aziende provenienti da tutta Europa hanno dichiarato di rispettare le linee guida sviluppate dall'EASA e dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) su richiesta della Commissione europea. Il protocollo COVID-19 per la sicurezza della salute aerea si basa sulle attuali informazioni scientifiche sulla diffusione di COVID-19 e sull'opinione degli esperti delle due agenzie ed è progettato per garantire viaggi sicuri per passeggeri e personale aereo.
 
"Sono lieto di dare il benvenuto a questi primi attuatori delle nostre linee guida e carta COVID-19 Charter EASA", ha dichiarato il direttore esecutivo dell'EASA Patrick Ky. "Queste compagnie aeree e aeroporti apriranno la strada all'applicazione delle misure raccomandate e condivideranno le loro esperienze con noi. Questo ci aiuterà a raggiungere l'obiettivo finale di viaggi armonizzati e sicuri per la salute in Europa e verso altre destinazioni."
 
Il primo gruppo comprende sette operatori aeroportuali (che gestiscono i principali aeroporti in Belgio, Francia, Germania, Grecia, Spagna e altre località) e tre compagnie aeree - Aegean Airlines, easyJet e Wizz Air. La sfida ora per queste aziende è determinare esattamente come implementare le linee guida nelle loro strutture e servizi in modo da ottenere la migliore conformità possibile nonostante i vincoli operativi. Le raccomandazioni principali delle linee guida sono di osservare le distanze fisiche laddove possibile, indossare una maschera medica durante il viaggio e praticare un'igiene delle mani scrupolosa e frequente.
 
I passeggeri stessi devono assumersi la responsabilità personale. Ad esempio, i passeggeri che presentano sintomi compatibili con COVID-19 (febbre, tosse, improvvisa perdita dell'olfatto, mancanza di respiro) o che sono consapevoli di essere entrati in contatto con un caso COVID-19 non devono neppure recarsi in aeroporto.
 
Foto: Copyright © Sisterscom.com / Shutterstock
 
Le seguenti 10 aziende (tra aeroporti e compagnie aeree) sono state le prime a firmare l'accordo di collaborazione con l'EASA.
 
Aegean Airlines S.A.
Dimitris Gerogiannis, CEO Aegean Airlines: "In questa situazione senza precedenti, riteniamo fondamentale la cooperazione in tutta Europa per offrire il massimo livello possibile di comfort e rassicurazione ai nostri passeggeri".
 
AENA
Amministratore delegato di AENA, Maurici Lucena: Aena è profondamente coinvolta con i suoi partner del settore per implementare tutte le iniziative che potrebbero raggiungere l'obiettivo di raggiungere un'esperienza di viaggio aereo sicura e confortante. In questo senso, siamo ansiosi di partecipare al programma pilota lanciato dall'EASA, poiché riteniamo che questa iniziativa sia estremamente pertinente e necessaria per superare questi tempi difficili. I quattro aeroporti all'interno della rete di Aena inclusi nel programma pilota saranno la vetrina delle procedure implementate in tutti loro, per garantire un rapido ed efficiente ritorno alla normalità a tutti i passeggeri, con particolare attenzione ai turisti che visiteranno il nostro paese per godersi le vacanze”.
 
Aeroporto internazionale di Atene S.A.
Il CEO dell'aeroporto internazionale di Atene, il dott. Yiannis Paraschis, ha dichiarato: “Raggiungere l'obiettivo di un viaggio armonizzato e sicuro per la salute in Europa e oltre è la chiave per il ritorno alla normalità nei viaggi aerei durante questa crisi senza precedenti. Riteniamo pertanto il privilegio di essere stati scelti come uno degli "aeroporti pilota" in Europa che implementerà e monitorerà le migliori pratiche come indicato dall'EASA al fine di garantire un viaggio sicuro per i nostri passeggeri e le nostre comunità. Stare insieme e condividere dati e conoscenze sono sempre stati i punti di forza del nostro settore. Sono assolutamente fiducioso che questi principi ci guideranno ancora una volta a superare questa crisi".
 
Aeroporto di Bruxelles
Il CEO Arnaud Feist ha dichiarato: "All'aeroporto di Bruxelles, miriamo a collegare persone e aziende nel modo più sicuro nel cuore dell'Europa. La sicurezza dei nostri passeggeri e del personale è fondamentale, quindi siamo molto lieti di far parte del programma di monitoraggio dell'EASA. Vogliamo svolgere un ruolo di primo piano nello sviluppo e nella fornitura delle migliori pratiche nel trasporto aereo, per aiutare a salvaguardare la salute pubblica e ricostruire la fiducia dei passeggeri in questa crisi senza precedenti. A tal fine, lavoriamo ogni giorno sulla sicurezza del nostro aeroporto e guardiamo alla novità tecnologie e processi migliorati. Non vediamo l'ora di scambiare informazioni con l'EASA e di essere uno degli aeroporti pionieri nel ritorno sicuro alle normali operazioni di trasporto aereo."
 
easyJet Plc
Johan Lundgren, CEO di easyJet, ha commentato: "Sono lieto di essermi iscritto alla carta dell'EASA. Abbiamo lavorato a stretto contatto insieme al fine di attuare misure di sicurezza rafforzate per il benessere di tutti a bordo. La sicurezza dei nostri clienti e dell'equipaggio rimane la nostra massima priorità. Non vediamo l'ora di accogliere i clienti a bordo nei prossimi giorni con le nuove misure in atto."
 
SEA Aeroporti di Milano
Il C.E.O. Armando Brunini ha dichiarato: "SEA, Aeroporti di Milano è felice di contribuire al programma EASA per monitorare le operazioni COVID-19 nel settore dell'aviazione. Avere linee guida europee comuni garantirà viaggi sicuri per i passeggeri e il personale, che è la chiave per il riavvio del nostro settore.”
 
Groupe ADP, Parigi-Charles de Gaulle
Marc Houalla, direttore esecutivo dell'aeroporto Parigi-Charles de Gaulle, ha dichiarato: "In quanto principale hub europeo, prendere parte a questo programma pilota è la chiave per il rilancio delle nostre attività a Parigi-Charles de Gaulle. In un periodo molto breve di tempo siamo stati in grado di attuare misure sanitarie per aiutare l'EASA e l'ECDC a definire un nuovo standard internazionale armonizzato. Il monitoraggio e il feedback dell'EASA su questo nuovo quadro internazionale è un passo importante che ci consente di mettere a punto e sviluppare le migliori pratiche nell'ambito Groupe ADP e gli aeroporti che gestiamo in tutto il mondo, per ripristinare in modo rapido e sicuro la connettività aerea".
 
Wizz Air Holdings Plc
József Váradi, CEO di Wizz Air, ha dichiarato: “Sono lieto che Wizz Air sia tra le prime dieci società a sottoscrivere la COVID-19 Charter EASA e si impegni quindi ad aderire ai principi e alle responsabilità enunciati nella Carta. Il benessere e la sicurezza dei nostri passeggeri e dell'equipaggio sono sempre state le nostre massime priorità. La nuova era dei viaggi sterilizzati è iniziata a Wizz Air con la gamma di misure igieniche avanzate recentemente annunciata per salvaguardare la salute e la sicurezza dei nostri clienti e dell'equipaggio. La nostra flotta all'avanguardia e le nostre misure protettive potenziate assicurano le migliori condizioni sanitarie possibili per i viaggiatori. Sono convinto che l'esperienza acquisita e condivisa dalle compagnie aeree di questa Carta aiuterà l'industria a perfezionare e armonizzare le operazioni, nonché le misure di protezione per sostenere il ritorno dei passeggeri al volo".
 
A cura di Alisè Vitri
Fonte testo: Ufficio Stampa EASA
Visual: Sisterscom.com / Shutterstock
Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione.
Copyright © Sisterscom.com
Ti potrebbe interessare
Contenuti sponsorizzati
AVION TOURISM  MAGAZINE
AVION TOURISM MAGAZINE
in versione digitale
Speciale città d'arte. Su questo numero ti proponiamo: Venezia, Bergamo, Milano, Torino, Firenze, Pisa, Roma, Napoli, Palermo e Catania. Scopri le destinazioni direttamente sul sito internet oppure leggi la versione digitale della rivista.
I testi sono coperti da copyright e non possono essere copiati.
Se vuoi puoi condividere questa pagina.
Fatti ispirare
Iscriviti alla newsletter e scopri consigli utili per il tuo prossimo viaggio
Iscriviti ora!