16 marzo 2020

COVID-19: Linee guida della Commissione Europea

Le misure di frontiera per proteggere la salute e mantenere disponibili beni e servizi essenziali
La Commissione ha presentato agli Stati membri linee guida sulle misure di gestione delle frontiere connesse alla salute nel contesto dell'emergenza COVID-19. L'obiettivo è proteggere la salute dei cittadini, garantire il giusto trattamento delle persone che devono viaggiare e garantire la disponibilità di beni e servizi essenziali. I commissari Kyriakides e Johansson hanno presentato le linee guida ai ministri della sanità e degli affari interni dell'UE alla loro prima riunione video congiunta.
 
Il presidente Von der Leyen ha dichiarato: “Le nostre misure per contenere l'epidemia di Coronavirus saranno efficaci solo se ci coordiniamo a livello europeo. Dobbiamo adottare misure eccezionali per proteggere la salute dei nostri cittadini. Ma assicuriamo che merci e servizi essenziali continuino a fluire nel nostro mercato interno. Questo è l'unico modo per prevenire la carenza di attrezzature mediche o cibo. Non è solo una questione economica: il nostro mercato unico è uno strumento chiave della solidarietà europea. Sto discutendo con tutti gli Stati membri in modo da affrontare insieme questa sfida, come Unione."
 
Gli orientamenti stabiliscono i principi per un approccio integrato a un'efficace gestione delle frontiere per proteggere la salute preservando l'integrità del mercato interno.
 
Proteggere la salute delle persone
Le persone identificate come a rischio di diffusione di COVID-19 dovrebbero avere accesso a un'assistenza sanitaria adeguata, nel paese di arrivo o nel paese di partenza, e questo dovrebbe essere coordinato tra i due.
È possibile sottoporre tutti i soggetti che entrano nel territorio nazionale a controlli sanitari senza l'introduzione formale dei controlli alle frontiere interne. La differenza tra normali controlli sanitari e controlli alle frontiere è la possibilità di negare l'ingresso alle singole persone. Alle persone malate non dovrebbe essere negato l'ingresso, ma l'accesso alle cure sanitarie. Gli Stati membri possono ripristinare i controlli alle frontiere interne per motivi di ordine pubblico che, in situazioni estremamente critiche, possono includere la sanità pubblica. Tali controlli alle frontiere dovrebbero essere organizzati per prevenire l'emergere di grandi raduni (ad esempio code), che rischiano di aumentare la diffusione del virus. Gli Stati membri dovrebbero coordinarsi per effettuare controlli sanitari su un solo lato della frontiera. Tutti i controlli alle frontiere dovrebbero essere applicati in modo proporzionato e nel dovuto rispetto della salute delle persone. Gli Stati membri devono sempre ammettere i propri cittadini e residenti e dovrebbero facilitare il transito di altri cittadini e residenti dell'UE che stanno tornando a casa. Tuttavia, possono adottare misure come richiedere un periodo di autoisolamento, se impongono gli stessi requisiti ai propri cittadini. Gli Stati membri dovrebbero facilitare l'attraversamento dei lavoratori frontalieri, in particolare ma non solo quelli che lavorano nel settore sanitario e alimentare e altri servizi essenziali (ad esempio assistenza all'infanzia, assistenza agli anziani, personale critico per i servizi pubblici).
 
Garantire il flusso di beni e servizi essenziali
La libera circolazione delle merci è fondamentale per mantenere la disponibilità delle merci. Ciò è particolarmente cruciale per i beni essenziali come le forniture alimentari tra cui bestiame, attrezzature e forniture mediche e protettive fondamentali. Più in generale, le misure di controllo non dovrebbero causare gravi interruzioni delle catene di approvvigionamento, dei servizi essenziali di interesse generale e delle economie nazionali e dell'economia dell'UE nel suo insieme. Gli Stati membri dovrebbero designare corsie prioritarie per il trasporto di merci (ad esempio tramite "corsie verdi"). Allo stesso modo, un movimento sicuro per gli addetti ai trasporti, compresi camionisti e macchinisti, piloti e equipaggio aereo è un fattore chiave per garantire un adeguato movimento di merci e personale essenziale. Non dovrebbero essere imposte ulteriori certificazioni per le merci che circolano legalmente nel mercato unico dell'UE. Secondo l'Autorità europea per la sicurezza alimentare, non ci sono prove che il cibo sia una fonte o una fonte di trasmissione di COVID-19
 
A cura di Alisè Vitri
Fonte: Ufficio Stampa Commissione Europea
Visual: Sisterscom.com / Shutterstock 
Riproduzione riservata. Copyright © Sisterscom.com
Ti potrebbe interessare
AVION TOURISM  MAGAZINE
Scarica AVION TOURISM MAGAZINE
in versione digitale
Su questo numero ti proponiamo Tel AvivBuenos Aires, Kharkiv, Stoccarda e LondraScopri le destinazioni direttamente sul sito internet.
I testi sono coperti da copyright e non possono essere copiati.
Se vuoi puoi condividere questa pagina.
Fatti ispirare
Iscriviti alla newsletter e scopri consigli utili per il tuo prossimo viaggio
Iscriviti ora!