01 luglio 2021

Entra in vigore nell'UE il certificato Covid digitale UE

Libera e sicura circolazione nell'Unione Europea durante la pandemia di Covid-19
A partire da oggi entra in vigore il regolamento sul certificato Covid digitale UE. Ciò significa che ora il certificato Covid digitale potrà essere rilasciato a tutti i cittadini e i residenti dell'UE e verificato in tutta l'Unione.
 
21 Stati membri, oltre alla Norvegia, all'Islanda e al Liechtenstein, avevano già iniziato a rilasciare certificati prima della scadenza odierna e cinque paesi dell'Unione Europea iniziano oggi.
 
Certificato Covid digitale Unione Europea
Scopo del certificato Covid digitale UE è agevolare la libera e sicura circolazione nell'UE durante la pandemia di Covid-19. Tutti gli europei hanno il diritto di circolare liberamente, anche senza certificato, ma quest'ultimo faciliterà gli spostamenti, aiutando a esentare chi ne è in possesso da restrizioni come la quarantena.
 
Il certificato Covid digitale UE è accessibile a tutti e:
  • costituisce prova di vaccinazione, test o guarigione dalla Covid-19;
  • è gratuito e disponibile in tutte le lingue dell'UE;
  • è disponibile in formato digitale e cartaceo;
  • è sicuro, con un codice QR firmato elettronicamente.
 
Secondo le nuove disposizioni, gli Stati membri devono astenersi dall'imporre ulteriori restrizioni di viaggio ai titolari di un certificato Covid digitale UE, a meno che esse non siano necessarie e proporzionate per tutelare la salute pubblica.
 
FAQ SUL CERTIFICATO COVID DIGITALE UE
 
COME OTTERE IL CERTIFICATO COVID DIGITALE UE?
Le autorità nazionali sono responsabili del rilascio del certificato Covid digitale UE. Potrebbe, ad esempio, essere rilasciato da centri di testautorità sanitarie, o direttamente tramite un portale eHealth. La versione digitale può essere memorizzata su un dispositivo mobile. I cittadini possono anche richiedere una versione cartacea. Entrambi avranno un codice QR che contiene informazioni essenziali, oltre a una firma digitale per assicurarsi che il certificato sia autentico. Gli Stati membri hanno concordato un disegno comune che può essere utilizzato per le versioni elettronica e cartacea per facilitare il riconoscimento.
 
IN CHE MODO IL CERTIFICATO COVID DIGITALE UE AIUTA IL LIBERO MOVIMENTO?
Il certificato digitale UE Covid sarà accettato in tutti gli Stati membri dell'UE. Aiuta a garantire che le restrizioni attualmente in vigore possono essere revocate in modo coordinato. Quando si viaggia, il titolare del certificato digitale Covid UE dovrebbe essere esentato dalle restrizioni alla libera circolazione: gli Stati membri dovrebbero astenersi dall'imporre ulteriori restrizioni di viaggio sui titolari di un certificato digitale Covid UE, a meno che non lo siano necessarie e proporzionate per salvaguardare la salute pubblica. In tal caso, ad esempio come reazione a nuove varianti preoccupanti, gli Stati membri dovrebbero notificare alla Commissione e a tutti gli altri Stati membri e giustificare tale decisione.
 
NON SONO ANCORA VACCINATO, POSSO ANDARE IN UN ALTRO PAESE DELL'UE?
. Il certificato digitale Covid dell'UE dovrebbe facilitare gratuitamente movimento all'interno dell'UE. Non sarà una pre-condizione per libera circolazione, che è un diritto fondamentale nell'UE. Anche il certificato digitale Covid dell'UE dimostrerà i risultati di test, che sono spesso richiesti per le restrizioni delle autorità pubbliche sanitarie. Il certificato è un'opportunità per Stati membri per adeguare le restrizioni esistenti sul pubblico per motivi di salute. 
 
IMPORTA QUALE VACCINO COVID-19 RICEVO?
I certificati di vaccinazione saranno rilasciati a una persona vaccinata per qualsiasi vaccino contro il Covid-19. Quando si tratta di rinunciare alla libera alla circolazione, gli Stati membri dovranno accettare certificati di vaccinazione per i vaccini, che hanno ricevuto autorizzazione EU all'immissione in commercio. Gli Stati membri possono decidere di estenderlo anche ai viaggiatori dell'UE che hanno ricevuto un altro vaccino. Spetta inoltre agli Stati membri decidere se accettare o meno il certificato di vaccinazione dopo una dose o dopo una vaccinazione completa quando il ciclo è stato completato.
 
QUALI DATI COMPRENDE IL CERTIFICATO COVID DIGITALE UE?
Il certificato digitale Covid UE contiene informazioni necessarie quali nome, data di nascita, data di rilascio, informazioni pertinenti su vaccino/test/guarigione e un identificativo unico. Questi dati rimangono sul certificato e non sono archiviati o conservati quando un certificato viene verificato in un altro Stato membro.
 
I MIEI DATI PERSONALI SONO AL SICURO?
I certificati includeranno solo una serie limitata di informazioni quello che è necessario. Queste non possono essere mantenute dai paesi visitati. A scopo di verifica, solo la validità e l'autenticità del certificato viene controllato, verificando chi lo ha emesso e chi lo ha firmato. Tutti i dati sanitari rimangono allo Stato membro europeo che ha rilasciato il certificato digitale Covid dell'UE.
 
COME FUNZIONA IL CERTIFICATO DIGITALE UE COVID IN TUTTA L'UNIONE EUROPEA?
  • Il certificato contiene un codice QR con una firma digitale per proteggerlo dalla falsificazione.
  • Ogni organismo emittente (ad esempio un ospedale, un centro per i test, un'autorità sanitaria) ha un propria chiave di firma digitale. Tutte queste sono memorizzate in un database sicuro in ogni paese.
  • Quando il certificato è controllato, il codice QR viene scansionato e la firma verificata.
  • La Commissione Europea ha costruito un gateway attraverso il quale, tutti i certificati e le firme possono essere verificate in tutta l'UE. I dati personali del titolare del certificato non possono passare attraverso il gateway, poiché questo non è necessario per verificare la firma digitale. La Commissione europea ha anche aiutato gli Stati Membri per sviluppare software e app nazionali per rilasciare, archiviare e verificare certificati e li ha supportati nei test necessari per far parte dell'EU gateway.
 
 
Il contesto. Come è nato il certificato covid digitale dell'Unione Europea?
Il 17 marzo 2021 la Commissione europea ha presentato una proposta intesa a predisporre un certificato Covid digitale UE per facilitare la libera circolazione dei cittadini all'interno dell'UE in condizioni di sicurezza durante la pandemia. Il 20 maggio i colegislatori hanno raggiunto un accordo provvisorio. Il 1° giugno è diventata operativa la struttura portante tecnica dei sistemi, il gateway dell'UE, che consente la verifica delle caratteristiche di sicurezza contenute nei codici QR.
In tempo per la scadenza del 1° luglio tutti e 30 i paesi dell'Uniuone Europea e del SEE sono collegati dal vivo al gateway. Dal 1° giugno i primi Stati membri hanno iniziato a emettere certificati; in totale, 21 paesi dell'UE hanno anticipato la scadenza del 1º luglio.
A seguito della firma ufficiale del 14 giugno, il regolamento è stato pubblicato il 15 giugno ed entra in vigore oggi 1º luglio, con un periodo di transizione di sei settimane per il rilascio dei certificati negli Stati membri che hanno bisogno di più tempo (dal 1 luglio al 12 agosto 2021).
 
Accogliendo con favore l'entrata in applicazione del certificato Covid digitale UE, la Presidente Ursula von der Leyen oggi ha dichiarato: "L'Unione Europea sta ottenendo risultati positivi per i suoi cittadini. Il certificato Covid digitale europeo è il simbolo di un'Europa aperta e sicura che sta riaprendo con cautela, mettendo la protezione della salute dei nostri cittadini al primo posto. In marzo abbiamo promesso di creare entro le vacanze estive un sistema a livello dell'UE per agevolare la possibilità di viaggiare in maniera libera e sicura nell'Unione Europea. Adesso possiamo confermare che il sistema di certificati COVID digitali UE è operativo. La stragrande maggioranza degli Stati membri dell'UE è già collegata al sistema e pronta a rilasciare e verificare questi certificati. Sono già stati generati oltre 200 milioni di certificati. Stiamo aiutando gli europei a riguadagnare la libertà che amano e apprezzano così tanto."
 
I lavori della Commissione sui certificati Covid digitali dell'Unione Europea sono stati condotti dal commissario Didier Reynders in stretta collaborazione con i Vicepresidenti Vera Jourová e Margaritis Schinas e i commissari Thierry Breton, Stella Kyriakides e Ylva Johansson.
 
La Commissione si è inoltre impegnata a mobilitare 100 milioni di € nell'ambito dello strumento per il sostegno di emergenza per aiutare gli Stati membri dell'EU a offrire test a prezzi contenuti.
 
A cura della Redazione
Avion Tourism Magazine
Fonte testo: © Ufficio Stampa Commissione Europea
Foto Visual: Copyright © Sisterscom.com / orelphoto2 / Depositphotos
Riproduzione riservata. Copyright © Sisterscom.com
 

Voli
Ti potrebbe interessare
AVION TOURISM  MAGAZINE
AVION TOURISM MAGAZINE
in versione digitale
Su questo numero: I siti del Patrimonio Mondiale della Basilicata e della Puglia
 
I testi sono coperti da copyright e non possono essere copiati.
Se vuoi puoi condividere questa pagina.
Fatti ispirare
Iscriviti alla newsletter e scopri consigli utili per il tuo prossimo viaggio