12 marzo 2020

Chiusura del traffico aereo tra l'Europa e gli USA

La IATA ha esortato i governi a prepararsi per l'impatto economico negativo che comporterà
L'Associazione internazionale dei trasporti aerei (IATA) e i suoi membri continuano a sostenere i governi nei loro sforzi per contenere la diffusione di COVID-19. In questo momento di estrema pressione sul settore, la IATA ha invitato i governi a:  
 Prepararsi per le ampie conseguenze economiche di queste azioni,
 Rispondere rapidamente alla fragilità finanziaria delle compagnie aeree  
Seguire le raccomandazioni dell'OMS (Organizzazione mondiale della sanità).
 
Queste raccomandazioni arrivano in risposta al divieto del governo americano all'ingresso negli Stati Uniti di cittadini non statunitensi e di individui che non sono residenti permanenti legali negli Stati Uniti, che sono stati nell'area Schengen negli ultimi 14 giorni.
 
“Sono tempi straordinari e i governi stanno adottando misure senza precedenti. La sicurezza, compresa la salute pubblica, è sempre una priorità assoluta. Le compagnie aeree stanno rispettando questi requisiti. I governi devono anche riconoscere che le compagnie aeree - che impiegano circa 2,7 milioni di persone - sono sottoposte a pressioni finanziarie e operative estreme. Hanno bisogno di supporto", ha dichiarato Alexandre de Juniac, direttore generale e CEO della IATA.
 
Impatto economico
Nell'adottare tali misure, la IATA ha esortato i governi a prepararsi per l'impatto economico negativo che causeranno. Le dimensioni del mercato USA-Europa sono enormi. Nel 2019, c'erano in totale circa 200.000 voli in programma tra gli Stati Uniti e l'area Schengen, equivalenti a circa 550 voli al giorno. C'erano circa 46 milioni di passeggeri (circa equivalenti a 125.000 viaggiatori ogni giorno).
Mentre la misura statunitense riconosce la necessità di continuare a facilitare il commercio transatlantico, le conseguenze economiche di questo saranno ampie.
 
“I governi devono imporre le misure che ritengono necessarie per contenere il virus. E devono essere pienamente preparati a fornire supporto per respingere la dislocazione economica che ciò causerà. In tempi normali, il trasporto aereo è un catalizzatore per la crescita e lo sviluppo economico. La sospensione dei viaggi su così vasta scala creerà conseguenze negative in tutta l'economia. I governi devono riconoscerlo ed essere pronti a sostenere", ha affermato Alexandre de Juniac.
 
Fattibilità finanziaria delle compagnie aeree
Le compagnie aeree sono già alle prese con il grave impatto che la crisi COVID-19 ha avuto sui loro affari. Il 5 marzo 2020, la IATA ha stimato che la crisi potrebbe spazzare via circa $ 113 miliardi di entrate. Tale scenario non includeva misure così severe come gli Stati Uniti e altri governi (inclusi Israele, Kuwait e Spagna) hanno messo in atto da allora. Le misure statunitensi si aggiungeranno a questa pressione finanziaria. Il valore totale del mercato USA-Schengen nel 2019 è stato di $ 20,6 miliardi. I mercati di maggiore impatto sono:
 Stati Uniti - Germania ($ 4 miliardi)
 Stati Uniti - Francia ($ 3,5 miliardi)
 Stati Uniti - Italia ($ 2,9 miliardi).
 
“Ciò creerà enormi pressioni sul flusso di cassa per le compagnie aeree. Abbiamo già visto Flybe andare sotto. E quest'ultimo colpo potrebbe spingere gli altri nella stessa direzione. Le compagnie aeree avranno bisogno di misure di emergenza per superare questa crisi. I governi dovrebbero cercare tutti i mezzi possibili per aiutare l'industria in queste circostanze estreme. Estendere le linee di credito, ridurre i costi delle infrastrutture, alleggerire l'onere fiscale sono tutte misure che i governi dovranno esplorare. Il trasporto aereo è vitale, ma senza un'ancora di salvezza da parte dei governi avremo una crisi finanziaria settoriale accumulata in cima all'emergenza di sanità pubblica", ha affermato Alexandre de Juniac.
 
Raccomandazioni dell'OMS
L'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) continua a sconsigliare l'applicazione di restrizioni di viaggio o commerciali ai paesi in cui si verificano epidemie. Il 29 febbraio 2020 l'OMS ha pubblicato una guida rivista che includeva quanto segue:  “Le misure di viaggio che interferiscono in modo significativo con il traffico internazionale possono essere giustificate solo all'inizio di un focolaio, in quanto possono consentire ai paesi di guadagnare tempo, anche se solo pochi giorni, per attuare rapidamente misure di preparazione efficaci. Tali restrizioni devono basarsi su un'attenta valutazione del rischio, essere proporzionate al rischio per la salute pubblica, essere di breve durata ed essere riesaminate regolarmente all'evolversi della situazione".
 
"Esortiamo gli Stati Uniti e altri governi che hanno posto restrizioni ai viaggi di seguire le indicazioni dell'OMS. La salute e la sicurezza sono le massime priorità per i governi e il settore del trasporto aereo. Ma l'efficacia e la necessità delle restrizioni di viaggio devono essere continuamente riviste”, ha affermato Alexandre de Juniac.
 
A cura di Alisè Vitri
Fonte testo: Ufficio Stampa IATA
Foto Visual: Sisterscom.com / Shutterstock
Riproduzione riservata. Copyright © Sisterscom.com
 
Trova un volo 
 
Ti potrebbe interessare
AVION TOURISM  MAGAZINE
Scarica AVION TOURISM MAGAZINE
in versione digitale
Su questo numero ti proponiamo Tel AvivBuenos Aires, Kharkiv, Stoccarda e LondraScopri le destinazioni direttamente sul sito internet.
I testi sono coperti da copyright e non possono essere copiati.
Se vuoi puoi condividere questa pagina.
Fatti ispirare
Iscriviti alla newsletter e scopri consigli utili per il tuo prossimo viaggio
Iscriviti ora!